Opere pubbliche, decrescita inarrestabile

Calerà dell’11,6% nel 2013 rispetto al 2005 la produzione di opere pubbliche nelle province di Milano, Monza e Brianza e Lodi. Il dato è elaborato dall’osservatorio Assimpredil-Cresme, secondo il quale «non soltanto la crescita non è ancora in grado di recuperare i livelli di produzione del 2005, ma non é neppure in grado di compensare la caduta del comparto privato delle costruzioni che continua ad essere fortemente negativo. La crescita degli investimenti nel 2012 è stata del 12,9%, il che non è bastato a rilanciare gli investimenti in costruzioni, che sono scesi dell’8,8%».

Nel 2012 rispetto al 2006 si è perso il 33% del mercato, dice Assimprendil. Nel 2012 le opere pubbliche nelle province di Milano, Monza e Brianza e Lodi sono valse 3,5 miliardi di euro ed hanno rappresentato il 28,8% degli investimenti nazionali in costruzioni ed il 22,9% del valore della produzione. Di questi 3,5 miliardi di euro, 2,1 sono stati destinati alla realizzazione di nuove opere pubbliche ed 1,4 alla manutenzione straordinaria di quelle esistenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA