LODI Filmava le sue aggressioni alle coetanee e metteva sui social i video, identificata dai carabinieri la baby picchiatrice

Segnalata alla procura una 13enne per due episodi avvenuti all’esterno di un fast food e in un parco pubblico, le vittime colpite con calci e pugni

LODI Filmava le sue aggressioni alle coetanee e metteva sui social i video, identificata dai carabinieri la baby picchiatrice

Aveva picchiato due ragazze come lei poco più grandi. Due adolescenti. E l’aveva fatto con disinvoltura, come se fosse un’azione normale, quotidiana. E le sue “gesta” erano finite su diversi smartphone visto che le violenze, dove nessuno interveniva nonostante le voci fuoricampo non mancavano, erano state riprese e postate sui social.

È stata così individuata e segnalata dai carabinieri alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minori di Milano una 13enne di Lodi. Il caso era salito alla ribalta grazie alla segnalazione e alla denuncia fatta da una mamma delle vittime (a cui poi ne seguiranno altre). La figlia, 14enne, il 4 agosto era stata aggredita brutalmente all’esterno del Burger King, venendo percossa e sbattuta a terra. Tutto, come detto, ripreso da mano ferma dotata di smartphone. Il 3 settembre il secondo caso, ai Giardini Barbarossa. Anche qui insulti, pugni, calci, spintoni. E risate, come se quanto accaduto fosse divertente.

Ricevute le denunce, i carabinieri della stazione di Lodi hanno dato il via alle indagini acquisendo tutti gli elementi utili a risalire alla 13enne. Dagli stessi militari dell’Arma, a margine della comunicazione della segnalazione dell’adolescente, l’invito a tutte le vittime a farsi avanti e denunciare quanto accaduto alle forze di polizia.

UNA VICENDA TRISTISSIMA, ANCHE LA 13ENNE È UNA VITTIMA

Leggi l’editoriale di Lorenzo Rinaldi

https://www.ilcittadino.it/stories/editoriali/il-commento-una-vicenda-tristissima-anche-la-13enne-e-una-vittima_81493_96/

© RIPRODUZIONE RISERVATA