LIVRAGA Trovata rovesciata in un fosso pieno d’acqua la Peugeot usata per l’assalto alla Centropadana

I ladri l’hanno abbandonata per poi fuggire a piedi con il denaro prelevato dal forziere, scassinato e lasciato davanti alla banca

LIVRAGA Trovata rovesciata in un fosso pieno d’acqua la Peugeot usata per l’assalto alla Centropadana
Il recupero dell’auto a Livraga

Scatta l’allarme per un auto ribaltata in un fosso pieno d’acqua al confine tra Livraga e San Colombano, si tratta certamente di quella utilizzata dai ladri per arrivare sul posto e compiere il colpo notturno alla Bcc Centropadana di Livraga.

È stata recuperata nel pomeriggio di oggi, quando mancavano pochi minuti alle 15, dai vigili del fuoco del comando provinciale di Lodi, la Peugeot 208 Gti gialla che è stata notata con le ruote verso il cielo in un fossato. Nessuno si trovava all’interno e questo avvalora l’ipotesi che sia proprio la vettura, rubata, utilizzata per l’assalto alla Centropadana.

I ladri hanno lasciato le campagne a piedi dopo aver effettuato il blitz all’interno dell’istituto di credito di via Papa Giovanni XXIII, con il “cash in” sottratto e poi lasciato su un marciapiede dopo aver estratto i contanti ed essersi liberati della Peugeot

Alcune ore prima del ritrovamento, tra l’altro, il proprietario della Peugeot aveva lanciato un appello su Facebook, annunciando il furto dell’auto e chiedendo di contattare i carabinieri in caso di avvistamento.

Leggi l’approfondimento sul «Cittadino» di venerdì 25 novembre

Una vettura rovesciata con le ruote verso il cielo in un fosso pieno d’acqua. È scattato l’allarme nel primo pomeriggio a Livraga, quando è stata segnalata la vettura nel canale in località Cascina Belloni.

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco con un’autopompa serbatoio e un’autogrrù, assieme ai carabinieri della compagnia di Codogno.

Un rapido controllo, e subito è emerso che all’interno della macchina rovesciata non c’era nessuno.

I pompieri hanno provveduto al recupero dell’auto e alla messa in sicurezza della zona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA