Codogno, l’imprenditore Faliva regala una nuova vita alla Nauticalodi

Rilevata la storica attività per dare vita ad un progetto sociale che unisce il Lodigiano al borgo ligure di Lerici

Codogno, l’imprenditore Faliva regala una nuova vita alla Nauticalodi
Ecco la mitica imbarcazione Meteor con l’imprenditore codognese Faliva

Codogno, Lodi e il borgo ligure di Lerici uniti dallo spirito visionario del codognese Luigi Faliva. È sua l’idea di un’imprenditoria solidale che diventa opportunità di lavoro per ragazzi disabili e carcerati in procinto di terminare il loro percorso di pena. Alla frazione Riolo in zona cimitero a Lodi in questo momento carpentieri non più giovanissimi stanno compiendo la loro ultima fatica, la costruzione dell’ultima imbarcazione Meteor sul suolo lodigiano prima che lo storico cantiere Nautica Lodi chiuda i battenti e col suo patrimonio di artigianalità e ingegneria si trasferisca ad Aulla (Massa Carrara). Un’operazione di salvataggio per l storico stabilimento lodigiano, unico custode della produzione del Meteor, piccolo gioiello della nautica italiana realizzato per la prima volta nel 1968 al Cantiere Sipla di Forlì su progetto originale dell’architetto olandese Van De Standt e tutt’oggi prodotto sugli antichi stampi in via Caponnetto al capoluogo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA