Non solo favole al telefono... quarant’anni fa ci lasciava Gianni Rodari

Non solo favole al telefono... quarant’anni fa ci lasciava Gianni Rodari

Il 14 aprile 1980 moriva il nostro più importante scrittore per bambini e ragazzi, ma anche giornalista e uomo di teatro e tv: un intellettuale completo

Se oggi qualcuno dovesse dare i numeri, com’è altamente probabile per altre ragioni, dovrebbe numerare Gianni Rodari con il 40 e il 100. Sono queste le cifre che quest’anno celebreranno il nostro più importante scrittore per bambini e ragazzi. Infatti 40 sono gli anni che ci separano dalla sua prematura scomparsa, avvenuta all’età non ancora di sessant’anni, proprio il 14 aprile. E, per curiosa coincidenza, 100 sono gli anni della nascita che cadono il 23 ottobre prossimo. Dunque, occasione ghiotta per riparlare di Rodari e fare il punto sulla sua intensa attività di scrittore, peraltro conosciutissima: i suoi libri, da Filastrocche in cielo e in terra a Favole al telefono alla Grammatica della fantasia sono continuamente ristampati da Einaudi. Ma è anche l’occasione per scoprire un altro Rodari, intellettuale completo: il giornalista, il pedagogista, il poeta per adulti, la musica, l’uomo di teatro e di tv e i prestiti al cinema.


© RIPRODUZIONE RISERVATA