La MilanoTorino della musica

Al Teatro alla Scala il ritorno al Festival della Philarmonia Orchestra

La MilanoTorino della musica

SettembreMusica 2022 arriva martedì sera a Milano, dopo il debutto di lunedì a Torino. E lo fa con il suo programma entrando alle ore 21 nel tempio della musica mondiale: il Teatro alla Scala, con il ritorno al Festival della Philarmonia Orchestra, una delle orchestre più cariche di storia del panorama musicale internazionale. A dirigere è stato chiamato una star mondiale come John Axelrod. Per l’occasione il cartellone di questa sedicesima edizione è titolato “Luci immaginarie”. “Luci” perché secondo il direttore artistico della kermesse meneghino-sabauda, Nicola Campogrande, s’intende indagare “le molteplici relazioni tra la musica e la luce, tra l’ascoltare e il vedere, attraverso capolavori della musica classica e novità”. Così le tre partiture del concerto sono state selezionate sulla base di un assunto che ne evidenzi le luminosità che coinvolgano la musica con la realtà attuale dei mondi virtuali e aumentati dalla tecnologia. Si comincia con The imagined forest della pluri-premiata compositrice inglese ventisettenne Grace-Evangeline Mason. La composizione di questo brano risale al 2021 ed è proposto a MiTo in prima esecuzione italiana e trae ispirazione dalle installazioni di ambienti naturali immaginari dell’artista del collage Clare Celeste Börsch. Le altre due partiture appartengono alla storia della musica di fine XIX secolo: l’iconica Suite n. 1 op. 46 che nel 1888 Edvard Grieg estrapolò dalle musiche di scena del dramma Peer Gynt di Henrik Ibsen. Seguendo il tema del viaggio in paesi esotici si arriva alle luci dell’Oriente delle Mille e una notte”, con l’altrettanto celebre partitura anch’essa composta nel 1888. La Suite sinfonica op. 35 Shéhérazade di Nikolaj Rimskij-Korsakov, che richiama le storie del crudele sultano Shahriar contenute nell’antica raccolta araba.
Ogni concerto è anticipato dalle brevi introduzioni all’ascolto, che per la serata inaugurale di MiTo a Milano è affidata a Gaia Varon. I 116 concerti del Festival proseguiranno fino al 25 settembre -, cominciando già mercoledì 7 con l’attesa programma barocco di Federico Maria Sardelli e Modo Antiquo al Teatro Dal Verme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA