Un ristoratore: «Riaprono tutti e noi ci siamo giocati tutto»

Un ristoratore: «Riaprono tutti e noi ci siamo giocati tutto»

I clienti hanno risposto bene alla proposta dell’asporto e delle consegne a domicilio, ma preoccupa la prospettiva di rimanere chiusi a Natale

Chi ha deciso di percorrere la via dell’asporto è soddisfatto della risposta dei clienti, ma le perdite per i ristoratori rimangono pesanti. «Dovremo ancora stare chiusi e al momento non sappiamo ancora per quanto. Siamo arrabbiati dunque, anche se da un lato positivi perché comunque stiamo lavorando bene con l’asporto e il domicilio», dichiara Alberto Dassisti, titolare insieme ai fratelli di un ristorante-pizzeria in centro a Lodi. Il collega Vittorio Romeo si sente parte di una categoria “capro espiatorio”: «Riaprono tutto e noi ci siamo giocati tutto, non possiamo riaprire: quest’anno va così, non so più cosa dire».


Leggi l’approfondimento sul “Cittadino” in edicola martedì 1 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA