Sant’Angelo, ristoratrice multata per la cena “a lume di candela”
I carabinieri hanno svolto un’intensa attività di controllo contro le violazioni delle norme anti Covid

Sant’Angelo, ristoratrice multata per la cena “a lume di candela”

Le luci soffuse nel locale hanno attirato l’attenzione dei carabinieri: ai tavoli una decina di persone

Una luce soffusa all’interno di un ristorante-pizzeria di viale Trieste a Sant’Angelo attira l’attenzione dei carabinieri. E all’interno non manca la sorpresa. Seduti infatti ai tavoli una decina di clienti intenti a consumare cibi e bevande “a lume di candela”. I fatti risalgono alla serata di domenica 24, quando i militari dell’Arma hanno appunto notato, durante dei classici controlli in città, un flebile bagliore provenire da una delle sale del locale. Entrati nell’esercizio, i carabinieri hanno quindi identificato e sanzionato tutti i clienti presenti in base all’articolo 1 comma 4 lettera b, e articolo 2 comma 4 lettera b, del DPCM del 14 gennaio 2021. Mentre la titolare 40enne, residente in provincia di Pavia, si è vista a sua volta comminare una sanzione, articolo 2 comma 4 lettera C del medesimo DPCM, e sospendere l’attività per un minimo di cinque giorni, rimettendo poi alla Prefettura ogni altra valutazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA