MELEGNANO A segno il furto alla trattoria Taurasi, bottino di poche decine di euro
L’ingresso della trattoria Taurasi di Melegnano

MELEGNANO A segno il furto alla trattoria Taurasi, bottino di poche decine di euro

Spariti un orologio di scarso valore, un amplificatore per cellulari e un po’ di monete

Servendosi di un vaso per arrampicarsi, aprono la finestra e rompono la zanzariera, ma alla fine è magro il bottino del colpo alla trattoria Taurasi nella periferia nord di Melegnano. Il furto è andato a segno nella notte tra giovedì e venerdì, quando i malviventi hanno preso di mira l’attività all’angolo tra le vie De Amicis e Dante Alighieri, zona residenziale nel quartiere Carmine non lontano dalla via Emilia: in base a una prima ricostruzione dei fatti, dopo aver utilizzato per arrampicarsi un vaso ritrovato attorno al locale razziato, i ladri hanno aperto la finestra e rotto la zanzariera prima di metter piede nella trattoria-pizzeria, che si trova al piano terra di una palazzina abitata da numerose famiglie. Gli intrusi potrebbero essere stati insomma disturbati durante il colpo, alla fine il bottino è stato di modesta entità: secondo quanto fatto sapere dalle stesse vittime del furto, che l’hanno scoperto solo venerdì mattina quando sono arrivate per aprire l’attività, gli intrusi si sono portati via solo un orologio da 50 euro, le monetine del fondo cassa per un totale di circa 20 euro e un amplificatore per il cellulare. Dopo aver aperto gran parte dei cassetti, sono infine scappati passando nuovamente dalla finestra forzata pochi minuti prima: una volta scoperto il furto, i titolari dell’attività l’hanno subito denunciato alle forze dell’ordine presenti in città, che hanno dunque avviato le indagini per dare un volto ai ladri in fuga. Solo una settimana fa a finire nel mirino è stata invece la panetteria “Nuova primavera” in via Dezza in zona Borgo, in quel caso i malviventi hanno rotto la vetrina prima di portarsi via il cassettino della cassa, non è escluso che i due furti siano in qualche modo collegati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA