I camion non rispettano il divieto: a Valera i residenti schiavi di rumore e smog
Una colonnina di controllo a Valera

I camion non rispettano il divieto: a Valera i residenti schiavi di rumore e smog

Dalle 20 alle 8 i tir non dovrebbero passare, ma la disposizione spesso viene ignorata

I residenti di via Sant’Angelo, a Valera Fratta, sono esasperati: «D’inverno, tremano i vetri, mentre d’estate, con le finestre aperte, il rumore è insopportabile».Sotto accusa il passaggio dei tir lungo la strada cittadina, dove è presente un divieto di transito per i mezzi con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate nell’orario che va dalle 20 alle ore 8 di mattina.

«Vanno e vengono alle quattro, quattro e mezza di notte» affermano gli abitanti della strada, che lamentano la scarsità di controlli a fronte di un problema che riguarda anche la sicurezza di una via urbana.

«Nella zona ci sono molte logistiche, soprattutto verso Landriano, e il via vai dei tir in via Sant’Angelo è continuo, a tutte le ore del giorno e della notte – spiegano -. Ci chiediamo tuttavia perché i camion continuino a passare all’interno del paese, quando quattro anni fa è stata costruita una bretella che consente di passare fuori da Valera Fratta, e arrivare direttamente sulla strada per Pavia nei pressi di Villanterio. Purtroppo, raramente vediamo i controlli delle pattuglie, e quando sono presenti, gli autisti dei tir probabilmente si avvertono prima con la radio, perché in quei momenti non passano mai. Forse, sarebbe il caso di predisporre un sistema elettronico sempre attivo».

Al momento, la via dispone di due autovelox, ma chiaramente non funzionano: addirittura si possono notare le aperture coperte da adesivi con stampata una macchina fotografica, probabilmente uno scherzo di qualche automobilista indisciplinato. Protetti da questo stratagemma, molti veicoli sfrecciano ad alta velocità nonostante il limite di 50 chilometri orari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA