Trattative febbrili fra Pd e 5 Stelle ma i giovani “dem” non ci stanno
L’ultimo voto in Senato

Governo con i grillini, i giovani del Pd non ne vogliono sapere

A Lodi Le nuove leve del partito sono estremamente critiche: «Un accordo metterebbe in ombra le responsabilità del Carroccio»

Trattano i vertici per un patto Pd-5 Stelle, ma la base nel Lodigiano “ribolle”. E sono soprattutto i giovani, le nuove leve del Partito democratico, a far sentire la loro voce critica. Se i dirigenti locali, seppur molto cauti, aprono all’ipotesi di accordo giallorosso, per mettere nell’angolo il leader della Lega, il passaggio resta molto delicato per la tenuta del partito. Oggi in Parlamento è atteso il discorso del premier Giuseppe Conte. Il dibattito entrerà nel vivo anche nel territorio, quando il 22 agosto al Capanno sarà inaugurata la Festa dell’Unità.

Il dibattito entrerà nel vivo anche nel territorio, quando il 22 agosto al Capanno sarà inaugurata la Festa dell’Unità. A dettare la linea ieri la segretaria provinciale Pd, Roberta Vallacchi: «Si metta da parte il rancore e con uno sforzo di entrambe le parti si lavori per un patto di legislatura. Bisogna tirare fuori il Paese dal pantano e ridare dignità all’Italia. Penso alla vergognosa gestione delle politiche migratorie di questo governo. Nel controllo dei flussi, serve rispetto delle persone, umanità e solidarietà. E poi occorre puntare allo sviluppo a livello economico e ridare a questo Paese un ruolo in Europa. Di certo in questa prospettiva serve un accordo di programma e procedere un passo alla volta, se esiste la volontà da entrambe le parti».

Laura Tagliaferri

Anche la coordinatrice del circolo di Lodi, la consigliera comunale “dem” Laura Tagliaferri, apre all’intesa: «È importante in questa fase dimostrare responsabilità e unità, rispettando anche i passaggi e i ruoli all’interno del partito». E rispetto ad una possibile alleanza con i 5 Stelle: «Nonostante la distanza su molti temi con il M5S, non escluderei un accordo. L’importante è che sia basato su un programma chiaro e definito. Il Pd resti coeso e si valutino insieme i termini di una possibile piattaforma. Salvini ha compiuto un grave passo falso, sperando di capitalizzare il suo consenso. Nostro compito è pensare all’interesse del Paese».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.