Legittima difesa, Gugnano ospita l’Unione vittime di rapine in casa
Mario Cattaneo, l’oste di Gugnano a processo per avere sparatoe uccisouno dei ladriche la nottedel 10 marzo 2017cercaronodi rapinarlo

Legittima difesa, Gugnano ospita l’Unione vittime di rapine in casa

Appuntamento nella trattoria di Cattaneo, dove il ristoratore uccise uno dei delinquenti

Andrea Bagatta

Un brindisi per l’avvio della discussione parlamentare sulla legge per la legittima difesa. E dove altro poteva essere se non a Gugnano, frazione di Casaletto, in quell’Osteria dei Amis dove la notte del 10 marzo 2017 Mario Cattaneo, nel tentativo di difendere la famiglia, sparò e uccise un ladro di nazionalità rumena che si era introdotto nel ristorante-tabaccheria? Il brindisi si svolge domenica 28 ottobre alle 12,30 e raccoglierà da tutta Italia alcune vittime di rapina finite nel sangue e diversi simpatizzanti. A organizzarla è l’Unavi, l’Unione Nazionale Vittime. Gugnano e l’Osteria dei Amis, e Mario Cattaneo stesso, ritornano così ad essere testimonial della «difesa legittima sempre in casa propria».

In estate lo stesso Cattaneo era stato chiamato al Senato per un’audizione informale in compagnia di Franco Birolo, Francesco Sicignano, Graziano Stacchio e Robertino Zancan, tutte persone che per difendersi dall’aggressione sono stati indagati, processati o condannati per l’eccesso di legittima difesa, lo stesso capo d’imputazione con cui si sta svolgendo a Lodi il processo all’oste di Gugnano.

Scopo del ritrovo di domenica è quello di fare un pranzo insieme e poter fare il punto sul percorso legislativo del nuovo provvedimento sulla legittima difesa, che martedì prossimo inizierà il suo iter al Senato. Infine, a fine pranzo, ci sarà un momento di discussione tra i partecipanti per arrivare a definire delle linee comuni d’azione volte a tenere alta l’attenzione sul tema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.