“La luna di Kiev”, la poesia di Gianni Rodari e il suo messaggio di pace

I suoi raggi viaggiano senza passaporto illuminando tutto il mondo

“La luna di Kiev”, la poesia di Gianni Rodari e il suo messaggio di pace
L’affascinante luna, protagonista di tante poesie

Avete mai letto la poesia di Gianni Rodari intitolata “La luna di Kiev”? Potete trovarla qui sotto, se siete curiosi. Ma prima due precisazioni importanti: Kiev si trova in Ucraina e in questo momento c’è la guerra. L’autore della poesia, Gianni Rodari, è stato un famoso scrittore e giornalista italiano, morto nel 1980.

Ecco a voi “La luna di Kiev”, vi accorgerete che la luna può parlarci e, soprattutto, mandarci un messaggio di pace: i suoi raggi illuminano tutti, senza distinzioni.

La luna di Kiev Chissà se la luna di Kiev è bella come la luna di Roma, chissà se è la stessa o soltanto sua sorella… “Ma son sempre quella! – la luna protesta – non sono mica un berretto da notte sulla tua testa! Viaggiando quassù faccio lume a tutti quanti, dall’India al Perù, dal Tevere al Mar Morto, e i miei raggi viaggiano senza passaporto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA