SAN GIULIANO Sequestrati 4 quintali di cibo nel negozio etnico, denunciato il titolare

Blitz della polizia locale nei locali e nei mercati, sanzionati anche sette ambulanti

SAN GIULIANO Sequestrati 4 quintali di cibo nel negozio etnico, denunciato il titolare

Blitz della polizia locale di San Giuliano in tre attività di ristorazione e super controlli nei mercati: nei giorni scorsi in un locale sono stati sequestrati 4 quintali di carne, pesce e prodotti deperibili che non venivano conservati correttamente.

In particolare dalle verifiche è stato accertato che l’esercizio in questione non aveva delle celle frigorifere adeguate e non rispettava le regole in vigore. Pertanto il titolare del punto ristoro etnico è stato sanzionato e denunciato così come i medesimi provvedimenti sono stati assunti per un’altra attività, gestita sempre da stranieri, dove erano esposte delle pietanze senza banco frigorifero, anche se nel caso specifico non si è reso necessario il sequestro in quanto la merce è stata distrutta sul posto. Pizzicato inoltre un esercente italiano per delle irregolarità di carattere amministrativo.

In totale sono state elevate multe per un importo di 12mila euro e sono ancora in corso degli approfondimenti riguardanti la regolarità dei contratti di lavoro del personale.

Al tempo stesso settimana scorsa sono partiti anche dei controlli nei mercati di via Fratelli Cervi e di Campoverde con 7 ambulanti sanzionati per un totale 17.500 euro a seguito di una raffica di violazioni inerenti l’omessa esposizione dei prezzi di vendita e l’assenza di indicazioni riguardanti la filiera di provenienza di frutta, verdura e di altra merce.

L’assessore al commercio Alfio Catania commenta: «La polizia locale coordinata dal comandante Fabio Allais sta svolgendo un importante lavoro, che proseguirà anche in settembre, teso a tutelare i consumatori sia per quanto concerne l’aspetto igienico-sanitario dei prodotti che acquistano, sia per l’esposizione dei prezzi che tutela gli acquirenti, soprattutto gli anziani e le fasce più fragili di popolazione, da eventuali iniquità di trattamento economico. L’obiettivo - conclude - è quello di chiedere a tutti il rispetto delle regole a garanzia anche del principio di libera concorrenza». Partendo da questi presupposti, dal municipio arriva notizia che le verifiche soprattutto nei mercati cittadini proseguiranno nel corso dell’autunno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA