Non solo Ronaldo: addio a Simoni, fece grande la Cremonese dei lodigiani

Non solo Ronaldo: addio a Simoni, fece grande la Cremonese dei lodigiani

Il calcio in lutto per la morte dell’ex allenatore dell’Inter, universalmente riconosciuto come un vero gentiluomo

«Non è stato solo un grande allenatore: era di più, molto di più». Basterebbero queste parole di Riccardo Maspero per comprendere lo spessore umano di Gigi Simoni, l’ex allenatore di Cremonese, Inter e tante altre squadre scomparso all’età di 81 anni dopo una lunga malattia proprio nel giorno del decennale del “triplete” conquistato dai nerazzurri tanto amati. Un gentiluomo, un personaggio d’altri tempi: Simoni ha lasciato il segno ovunque, arrivando nell’Olimpo nazionale e ad allenare un Fenomeno come Ronaldo dopo una lunga carriera in provincia. A Cremona si tolse pure lo sfizio di vincere il Torneo Anglo-italiano nel 1993, battendo in finale il Derby County nel tempio di “Wembley”. Quella squadra era imbottita di lodigiani: il “pupillo” Maspero, il capitano Corrado Verdelli e il castiglionese Massimo Lombardini.


Leggi l’articolo sul “Cittadino” in edicola sabato 23 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA