L’Atalanta va a sbattere contro il Milan (e Donnarumma)
La parata di Donnarumma sul rigore tirato da Malinowski

L’Atalanta va a sbattere contro il Milan (e Donnarumma)

Una bella partita e un pari giusto tra le due squadre,con il portiere che para un rigore ai bergamaschi

Tante emozioni ma alla fine arriva un pareggio che non accontenta nessuno. Termina 1-1 la sfida tra Milan e Atalanta, le due formazioni più in forma del campionato. I bergamaschi falliscono così il tentativo di assalto alla vetta, rosicchiando solo un punto alla Juventus, ora lontana 5 punti; i rossoneri mancano invece il sorpasso sulla Roma che rimane sesta a +1. Giusto il pareggio finale, anche se l’Atalanta può recriminare per il rigore fallito da Malinovskyi.

Ricca la cronaca del primo tempo. Il match si sblocca al 14’ grazie a una prodezza balistica di Calhanoglu, una punizione da posizione defilata che si insacca nel “sette” beffando Gollini. Il Milan tiene malgrado le numerose assenze (fuori, tra gli altri, Hernandez, Romagnoli, Bennacer e Conti), ma l’Atalanta in attacco è sempre pericolosa. Al 24’ i bergamaschi guadagnano un rigore concesso dal Var per un fallo di Biglia su Malinovskyi: il trequartista ucraino si incarica del tiro, ma Donnarumma intuisce l’angolo e salva il Milan. Il pareggio è rimandato di 10’: Zapata raccoglie una palla in area e con un diagonale da posizione ravvicinata mette la sfera nell’angolino. Nel finale il colombiano è di nuovo pericoloso: ottima l’uscita bassa di Donnarumma.

Meno spumeggiante la ripresa. La prima chance è per l’Atalanta: Gomez calcia di prima intenzione, palla fuori di poco. Al 15’ Pioli effettua tre cambi, inserendo Krunic, Bonaventura e Leao. Proprio uno dei nuovi entrati, Bonaventura, crea la più grossa occasione per i rossoneri, un destro rasoterra che finisce contro il palo. Il match resta teso fino al triplice fischio, ma il pari non si schioda.


© RIPRODUZIONE RISERVATA