L’Assigeco chiude con un’impresa storica un weekend sportivo di gioie e dolori

I rossoblu si qualificano per la semifinale play off di Serie A2 di basket, nei campionati di calcio il Fanfulla perde ma è matematicamente salvo in Serie D, il Bano fa il pieno di rabbia e retrocede in Promozione

L’Assigeco chiude con un’impresa storica un weekend sportivo di gioie e dolori

C’è chi scende e c’è chi sale. Chi fa festa e chi piange. Un weekend dolce amaro per lo sport lodigiano: inevitabile, quando i campionati sono ormai al tramonto e i risultati non ammettono più repliche. Partiamo dal calcio, rimandando però in coda i lettori per il risultato più sensazionale della giornata per la storia sportiva di una società lodigiana.

Palla al centro comunque per una notizia che non è sicuramente delle migliori: il Sancolombano retrocede in Promozione. Alla squadra di Maurizio Tassi (espulso nel concitato finale) non basta l’1-1 sul campo della Vertovese nella seconda sfida play out per guadagnarsi la permanenza nel torneo di Eccellenza. Fatale il ko dell’andata (2-1 per i bergamaschi): peccato, perché il Bano avrebbe meritato qualcosa in più dopo una stagione travagliata e caratterizzata da due cambi in panchina. Il pallone ha comunque regalato anche gioie agli sportivi lodigiani. Il Fanfulla è aritmeticamente salvo a una giornata al termine del torneo: nonostante la pesante sconfitta (4-0) rimediata a Forlì, i bianconeri di Bonazzoli conquistano il biglietto per la permanenza in Serie D grazie ai risultati sugli altri campi. Il Sangiuliano di Andrea Ciceri, da tempo certo dello storico salto in Serie C, si conferma invece il solito schiacciasassi inarrestabile: i gialloverdi rifilano ben 8 gol (a 3) all’Arconatese e si preparano al meglio per la poule scudetto. In Promozione, sarà derby sudmilanese per accaparrarsi un posto in Eccellenza: si sfideranno Milanese, uscita vincitrice nella semifinale con la Settalese, e Tribiano, reduce dal successo a Romanengo. La Seconda Categoria ha invece già emesso il suo verdetto: è la Nuova Zorlesco la “regina” del Girone P grazie al 2-0 contro il Fissiraga nello spareggio giocato a Borghetto Lodigiano.

Il fine settimana ha riservato due amarissime retrocessioni anche negli altri sport. Sul fronte pallavolo, la Tomolpack Marudo torna in Serie C dopo sei anni a causa della sconfitta (3-2) sul parquet amico contro il Parma. Partita tesissima: una provocazione di un dirigente ospite nei confronti del pubblico obbliga l’arbitro a sospendere l’incontro per circa mezz’ora, arrivano pure le forze dell’ordine a sedare gli animi. Giornata da dimenticare anche per i pallanotisti della Metanopoli che retrocede in Serie A2. La formazione sandonatese perde anche gara-2 contro la Roma: al centro federale di Ostia i tempi regolamentari si chiudono in parità (8-8) ma ai rigori la salvezza va ai padroni di casa. Lo Sporting Lodi, in Serie B, pareggia invece con uno spettacolare 10-10 il derby contro il Cus Geas Milano, fotografia di un match spettacolare e aperto a ogni risultato fino all’ultimo secondo. La squadra lodigiana resta al secondo posto in classifica, con un punto di vantaggio proprio sui milanesi. Fine settimana di riposo invece per l’Amatori: i giallorossi si stanno preparando per l’esordio nella semifinale play off in programma mercoledì a Follonica. Intanto il Trissino, una delle quattro semifinaliste, si è aggiudicato L’Eurolega.

Dulcis in fundo, l’Assigeco espugna ancora Ferrara, bissando il successo di venerdì, e conquista in 4 gare la serie dei quarti di finale play off: per la prima volta nella storia si giocherà la semifinale di Serie A2 di basket. Chapeau.

23 pagine si sport sul “Cittadino” in edicola lunedì 16 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA