La boxe in piazza sbarca a Casale

La boxe in piazza sbarca a Casale

Il pugilato torna di scena nel Lodigiano con il meeting organizzato dalla Pugilistica Grignani che si svolgerà a Casalpusterlengo domenica 19 (ore 20.30) nella piazza del Popolo. L’appuntamento della Pugilistica, dopo quelli degli anni scorsi svoltisi a San Martino (2008 e 2009) e Lodi (2010) cambia dunque piazza, sempre con l’intendimento di accendere un certo interesse sulla disciplina. La manifestazione è intitolata “4° Memorial Antonio Cervino”, a ricordare il maestro grignanino scomparso nel 2007. Ha il patrocinio del Comune di Casalpusterlengo, della Provincia e del Coni provinciale e l'accesso del pubblico sarà completamente gratuito. Il clan grignanino è stato coinvolto nell’impegno per l’organizzazione e il merito è del presidente Arduino Baraldi, della sua vice Raffaella Ciceri e dei dirigenti Franco Marchesi, Simone Cerri e Alessandro Balti, senza dimenticare lo staff tecnico con gli istruttori Diego Tavazzi e Stefano Ronsivalle, oltre al ds Duilio Seccamani. Organizzare riunioni di boxe in questi tempi non è certo agevole: i costi non sono lievi e non sono trascurabili le difficoltà nel presentare pugili di casa e “stranieri” di valore che offrano contenuti tecnico-agonistici di buon livello. Sul ring saliranno in ogni caso cinque pugili della Grignani. Alessandro Fiorini, 34 anni, (3 vittorie, una sconfitta e un no contest) al limite dei welter; Ricardo Vaca, 14 anni (2 vittorie, un pari e una sconfitta) nella categoria dei gallo; Silvestro Di Costa, 20 anni (3 sconfitte) nei welter; sono esordienti infine Stefano Pluderi, 20 anni, al limite dei massimi, e Alessandro Marconi, 16 anni, welter. Il peso massimo Alessandro Bianchi non sarà invece della partita a causa di un infortunio che ha patito il mese scorso in un match a Bollate.

Il cartellone di Casalpusterlengo comprende dieci incontri con pugili provenienti da società della Lombardia e dell’Emilia, alcuni dei quali Prima Serie. Citiamo fra gli altri il pavese Ivano Inversini e Alessandro Buratto di Voghera, vincitore l’anno scorso a Lodi sul piacentino Marco Battaglia (fra i due è in programma la rivincita); e ancora il match Melis-Velcov che promette scintille.

Perché a Casalpusterlengo? Lo chiediamo al presidente Baraldi: «Abbiamo pensato, anche su suggerimento del comitato lombardo della Fpi, che fosse opportuno offrire spazio al pugilato anche nella Bassa. Abbiamo deciso per Casalpusterlengo avendo goduto del pieno appoggio dell’assessore allo sport del Comune». I costi della riunione sono onerosi? «Per una società dilettantistica come la nostra non sono trascurabili. Si va oltre i 5mila euro. Devo dire comunque che gli “aiuti” non mancano, contiamo di “rientrare” per circa la metà del costo totale. Mi auguro che i nostri sforzi per dare visibilità alla disciplina possano godere dell’interesse della gente».


© RIPRODUZIONE RISERVATA