«Il Gso San Fereolo non smette di piantare semi»

«Il Gso San Fereolo non smette di piantare semi»

La rubrica “Presidenti d’oratorio” dedicata ai gruppi sportivi di Lodi è alla sua quinta puntata: intervista a don Elia Croce e al suo vice Roberto Folletti

«In un Gso c’è la possibilità di fare sport, di imparare a stare insieme con delle regole, crescendo sotto il profilo umano e con valori di fondo ispirati al Vangelo. I frutti e i risultati li vedremo anche più avanti. Il seme deposto adesso fortifica ed esce dopo, perché si sono acquisiti valori e principi. Su questo, anche se è faticoso, vale la pena investire». Parole di don Elia Croce, presidente del Gso San Fereolo a Lodi, protagonista della quinta puntata della rubrica “Presidenti d’oratorio” in un’intervista doppia con il suo vice Roberto Folletti. Una panoramica su una realtà attiva da 53 anni che non smette la sua missione nonostante la pandemia.


Leggi l’approfondimento sul “Cittadino” in edicola mercoledì 28 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA