«Ho partecipato a diverse gare nel deserto, ma alla Dakar è tutto esagerato»

«Ho partecipato a diverse gare nel deserto, ma alla Dakar è tutto esagerato»

Il pilota-odontoiatra di Lodi è rientrato in Italia e racconta la sua avventura al massacrante rally in corso in Arabia Saudita: dopo aver affrontato cinque tappe si è arreso per un infortunio a un braccio

Alla fine ha dovuto alzare bandiera bianca. «Mi sono tolto il dubbio: la Dakar non è una gara che fa per me». Elio Aglioni, il 55enne pilota-odontoiatra lodigiano, è tornato ieri in Italia dopo aver partecipato a cinque tappe del massacrante rally in scena in Arabia Saudita, tra sabbia, dune alte come cattedrali, pietre, asfalto, freddo e caldo. Un problema al braccio sinistro dopo una doppia caduta ha messo definitivamente fine alle speranze di portare a termine la competizione: «Nella mia carriera ho partecipato a diverse manifestazioni nel deserto, anche molto dure, ma alla Dakar è tutto amplificato, tutto esagerato. Spesso mi sono chiesto chi me l’avesse fatto fare. Mi sentivo come Fantozzi mentre guarda “La corazzata Potemkin”».


Leggi l’intervista sul “Cittadino” in edicola martedì 11 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA