Faverani diventa “maestro”

Faverani diventa “maestro”

L’assistente della finale mondiale passa nei ranghi dell’Aia regionale

Una “bandierina” mondiale per indicare la strada maestra agli arbitri lombardi. Renato Faverani, 50 anni da compiere il prossimo novembre, è entrato da poco a far parte del Comitato Regionale Arbitri della Lombardia come responsabile degli assistenti.

L’ex arbitro di Pantigliate vanta un curriculum eccezionale: 182 presenze in Serie A, 30 in Champions League, 12 in Europa League, 3 alla fase finale degli Europei e 4 alla fase finale dei Mondiali, tra i quali la finalissima di domenica 13 luglio 2014 vinta dalla Germania sull’Argentina al “Maracanà” di Rio de Janeiro. «Il mio obiettivo è quello di trasferire l’esperienza vissuta da dirigente e sui terreni di gioco, ai ragazzi della nostra regione, dando il mio contributo ad una squadra e ad un programma già molto validi e collaudati».

«Renato costituisce un valore aggiunto per qualsiasi gruppo tecnico - sottolinea il presidente dell’Aia di Lodi Emanuele Marchesi - e il Comitato Regionale Lombardia non può che gioire per avere la fortuna di “sfruttare” una risorsa di tale spessore».


© RIPRODUZIONE RISERVATA