Atletica, Scotti pronto al debutto

Atletica, Scotti pronto al debutto

Prime gare il 16 aprile a Roma per il 20enne lodigiano in vista di Tokyo

Edoardo Scotti fissa il debutto. Il quattrocentista lodigiano in questi giorni è in raduno con gli staffettisti della 4x400 al centro di preparazione olimpica di Formia, celebre per gli allenamenti di Pietro Mennea con Carlo Vittori. In collegamento con Atletica italiana Tv, il canale streaming della Fidal, Scotti ha annunciato la gara che lo vedrà debuttare all’aperto: «Venerdì 16 aprile inizierò allo “Stadio dei Marmi” di Roma con due prove “spurie”, su 150 e 300. L’anno scorso mi ha portato bene, spero lo sia anche stavolta», le sue parole, con l’allusione all’apertura stagionale 2020 con due prove sulle stesse distanze a Brusaporto.

La sua primavera avrà come primo appuntamento clou le World Athletics Relays dell’1 e 2 maggio a Chorzow (Polonia), la rassegna mondiale delle staffette qualificante per Tokyo: se la 4x400 maschile ha già in tasca il pass per il Giappone, la 4x400 mista deve ancora conquistare l’accesso ai Giochi. Possibile che “Edo” venga impiegato nella specialità al debutto nel programma olimpico: «Considerato che la 4x400 maschile è già qualificata - le parole del responsabile di settore della Nazionale Filippo Di Mulo - e quindi possiamo permetterci di non proporre il quartetto top, nella mista schiereremo i due uomini migliori e due donne tra le più in forma».

Scotti è tornato anche sulla considerazione del dt Antonio La Torre, che prima degli Europei indoor l’aveva definito un veterano nonostante la giovane età: «Ho vent’anni ma mi considerano già uno esperto. Io cerco di imparare da tutti, cerco di ispirarmi a loro per le tecniche e gli stili di corsa. E studio i comportamenti: ho visto di tutto, da gente calmissima, concentrata, a gente che urla prima della gara. Una volta ho provato anche io a urlare, prima della finale di Doha, ma non ha avuto alcun senso! Io sono un tranquillo, pacato, devono quasi venire a svegliarmi per quanto sono nel mio mondo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA