Amatori, non c’è tempo per piangere
Querido difende su Pedro Gil (foto Pedro Santos)

Amatori, non c’è tempo per piangere

Archiviata l’eliminazione nei quarti di Eurolega i giallorossi si tuffano nei play off con il Trissino

Non c’è tempo per piangere. Archiviata l’eliminazione nei quarti di finale di Eurolega, per l’Amatori è già tempo di play off scudetto. Da Lisbona i giallorossi si trasferiscono armi e bagagli a Trissino, dove martedì sera inizierà la serie di quarti di finale contro i vicentini difesi tra i pali dall’ex Adrià Català: l’occasione per ritrovare il sorriso e lanciare la volata al terzo scudetto consecutivo.

«Dispiace finire il nostro percorso europeo che è stato molto positivo con una sconfitta così pesante - commenta Nuno Resende -. In generale sono molto soddisfatto dell’Eurolega che abbiamo fatto, siamo arrivati ai quarti che era quello che volevamo e contro una candidata alla vittoria finale come lo Sporting ce la siamo giocata meglio di quanto dica il risultato».

Fariza al tiro(Carlos Silva)

Fariza al tiro(Carlos Silva)

Fariza al tiro(Carlos Silva)

I riflettori si spostano adesso sul campionato, dove già nella serie di quarti con il Trissino, oltre a vendicare l’eliminazione in Coppa Italia, i giallorossi possono tornare a fare la voce grossa, la stessa che gli ha permesso di cucirsi due scudetti sul petto. Per l’Europa delle big, per ora, ci si deve accontentare: «Oggi così, contro certi club non possiamo competere - commenta il presidente Roberto Citterio - e aver raggiunto i quarti di finale per la seconda volta negli ultimi tre anni è già un bel risultato, in questo momento il massimo a cui possiamo ambire».


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola lunedì 8 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA