L’Iva si applica a tutte le bollette emesse dopo il 18 settembre

Egregio Direttore,in merito alla lettera pubblicata in data 28 dicembre a firma di Antonio Proni titolata “Il metano dà una mano ad Astem”, Linea Più intende fornire alcuni chiarimenti che possano essere utili a tutta la cittadinanza al fine di garantire la massima informazione e trasparenza.Linea Più rende noto che la nuova normativa fiscale prevede che l’IVA al 21% venga applicata su tutte le fatture emesse successivamente al 18 settembre 2011 a prescindere dal periodo di competenza dei consumi o delle quote fisse.Più precisamente, nel caso in cui siano stati versati dal cliente acconti con IVA 20% (come nel caso del sig Proni), e poi sia stato emesso un saldo di importo superiore all’acconto con IVA 21%, in attesa di ulteriori specifiche richieste dalle associazioni di categoria all’Agenzia Entrate, Linea Più, come altre aziende del settore, ha adottato un criterio favorevole per il Cliente, che prevede l’applicazione dell’IVA 21% solo sulla differenza fra acconto e saldo.L’azienda ricorda che la normativa IVA è stabilita dall’Agenzia delle Entrate e non da Linea Più che semplicemente si deve adeguare alle disposizioni dell’istituto.Anche gli stessi contenuti espressi in bolletta si attengono a quanto stabilito dalla delibera dell’AEEG 202/09 che regolamenta ogni aspetto legato alla comunicazione con il consumatore.Per qualsiasi informazione i cittadini possono contattare Linea Più al numero verde 800.189.600 oppure recarsi direttamente agli sportelli di Lodi , in Viale Dante, 2 aperti lunedì, mercoledì e venerdì dalle 08.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 15.00, martedì e giovedì dalle 08.30 alle 12.00 ed il secondo e quarto sabato di ogni mese dalle 9 alle 11.30.


© RIPRODUZIONE RISERVATA