LODI Terminati i lavori su palazzo Vistarini

Ultimi giorni di cantiere nel cuore di Lodi per il recupero della facciata del gioiello del Trecento

LODI Terminati i lavori su palazzo Vistarini

(Foto di Lo storico palazzo libero dalle impalcature (foto Borella))

Lorenzo Crespiatico

Terminati i lavori a palazzo Vistarini, nel cuore storico della città del Barbarossa: gli operai stanno smobilitando in questi giorni il cantiere, iniziato nei primi giorni di febbraio e volto al rifacimento della copertura dello storico edificio costruito nel XIV Secolo.

Dell’area recintata, all’incrocio tra corso Vittorio Emanuele II e via Gabba, ormai rimane solo una minima parte: la fine dei lavori era stata prevista inizialmente per aprile, ma è slittata a causa dell’emergenza sanitaria intervenuta dopo la pandemia da Covid-19. Oggi e domani (27 e 28 agosto) corso Vittorio Emanuele II, dalle 8 alle 18 sarà una strada senza uscita, per consentire di ultimare le operazioni di smobilitazione dell’area. Lo stesso provvedimento vale per piazza Castello, limitatamente al collegamento tra viale Dante-viale IV Novembre e corso Vittorio Emanuele. È fatto divieto di transito in corso Vittorio Emanuele II. Fino alla sera del 28 inoltre verranno mantenute le seguenti limitazioni: il servizio di trasporto pubblico urbano sarà interrotto lungo la direttrice viale Dante-piazza Castello-corso Vittorio Emanuele II-piazza della Vittoria-corso Umberto I-corso Adda. Sarà garantito, in ogni caso, l’accesso ai percorsi pedonali, salvo in caso di comprovate necessità tecniche.

I titolari di contrassegni che autorizzano l’accesso alla Ztl attraverso il varco di corso Vittorio Emanuele II sono autorizzati a raggiungere la propria residenza attraverso il varco di via Garibaldi. L’operazione, seppur impattante dal punto di vista paesaggistico e viabilistico, si era resa inderogabile a causa della vetustà dell’edificio. Costruito nel Trecento, l’edificio era la residenza fortificata dell’influente famiglia ghibellina dei Vistarini. Nel corso dei secoli ha conosciuto numerosi rifacimenti, che l’hanno portato infine all’aspetto attuale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA