Martina Maric tra le finaliste a Miss Italia

La 22enne di Lodi studia scienze dell’educazione all’università Cattolica del Sacro Cuore a Piacenza

Martina Maric tra le finaliste a Miss Italia
Martina Maric di Lodi ha partecipato alle selezioni di Miss Italia, a un passo dalle nazionali.

Ventidue anni e un futuro ancora tutto da scrivere: ma il suo sogno nel cassetto, Martina Maric di Lodi l’ha già realizzato. Reduce da una bella esperienza vissuta tra le finaliste del noto programma televisivo “Miss Italia”, la ragazza che attualmente studia scienze dell’educazione all’università Cattolica del Sacro Cuore a Piacenza, ha coronato il desiderio di tante coetanee. Ma più che dai casting del noto concorso di bellezza, la sua vittoria Martina l’ha ottenuta dalla vita: ha imparato dagli insegnamenti che questa avventura le ha riservato, dalle relazioni che ha coltivato ma soprattutto dal valore di potersi confrontare con sè stessa e con le proprie fragilità. Sul podio per la finalissime di Miss Lombardia, Martina alle selezioni dello scorso 10 settembre si era qualificata al secondo posto per “Miss Rocchetta bellezza” sfiorando per un soffio la possibilità di accedere alle ultime tappe del concorso. E tornando indietro al primo provino, l’11 giugno a Varese, Martina racconta di un percorso che sognava fin da piccola a cui, per insicurezza, aveva sempre preferito rinunciare. «Si è trattata di un’esperienza terapeutica - sorride la ragazza che ora pensa a laurearsi e, un giorno, ad aprire il suo asilo nido privato -. Il desiderio di riscatto dalle paure e insicurezze che da sempre mi condizionano, facendomi temere il giudizio della gente». Ma ora Martina, ha lasciato le sue ansie alle spalle per guardare al futuro, finalmente più consapevole delle sue capacità: «La mia vittoria l’ho avuta imparando a guardarmi con occhi diversi, relazionandomi con le compagne in modo affiatato, nonostante il contesto altamente competitivo. Queste sono le cose che mi porto via dall’esperienza vissuta a Miss Italia», conclude la ragazza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA