LODI Dalla Banca Centropadana un sostegno alle imprese per gli impianti solari

L’istituto di credito incentiva l’economia “verde”

LODI Dalla Banca Centropadana un sostegno alle imprese per gli impianti solari
Impianto solare in un’azienda agricola

Banca Centropadana sosterrà le imprese che intendono cogliere l’opportunità del bando “Parco Agrisolare” del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Ad un anno dalla costituzione del servizio specialistico dedicato all’agri-agro, l’istituto di credito ha ampliato la propria offerta commerciale con finanziamenti chirografari - supportati anche dalla garanzia di Mediocredito Centrale - studiati per affiancare le imprese agricole nei progetti di efficientamento energetico.

Il bando “Parco Agrisolare” è un’iniziativa del Mipaaf sul percorso della transizione ecologica. Il sito ministeriale ha reso note le modalità di presentazione delle domande che servono ad ottenere gli incentivi per gli impianti fotovoltaici costruiti sugli edifici agricoli. Si tratta, sostanzialmente, di impianti solari che dovranno essere installati sugli immobili appartenenti al settore agroindustriale e zootecnico. Il progetto del governo ha un valore di 1,5 miliardi di euro e ha lo scopo di incentivare l’economia verde ma soprattutto di alleggerire il peso del caro energia.

«Siamo profondamente consapevoli del drammatico impatto che l’aumento dei costi dell’energia ha sulle imprese agricole e agroalimentari del territorio - commenta Andrea Barbieri, responsabile dell’Ufficio agri-agro di Banca Centropadana -. Se fino ad un anno fa il peso dell’energia sul fatturato di un’azienda era pari al 2%, oggi si arriva al 10%. Per questo vogliamo aiutare le realtà produttive a cogliere l’opportunità di questo bando che, per costi il cui aumento è imputabile al conflitto in corso, dà la possibilità di ottenere un finanziamento fino a otto anni a condizioni particolarmente vantaggiose per investimenti in fonti rinnovabili».

«Con queste misure vogliamo ribadire il nostro ruolo di banca del territorio per il territorio - osserva il direttore generale Luca Barni - . Noi ci siamo e, soprattutto, siamo in grado di studiare insieme al cliente la soluzione che più si confà alle sue necessità in un approccio taylor made che qualifica il nostro modo di essere banca e di relazionarci al cliente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA