LODI Spento dopo una notte di lavoro il rogo di 500 rotoballe alla cascina Boccalera - FOTO E VIDEO

Si indaga sulle cause, anche se con ogni probabilità si tratta di autocombustione

LODI Spento dopo una notte di lavoro il rogo di 500 rotoballe alla cascina Boccalera - FOTO E VIDEO
La rimozione del fiene attaccato dalle fiamme (Agosti)

(ore 11 del 27 agosto) Le operazioni di spegnimento del rogo sono praticamente concluse, sul posto ancora una squadra dei vigili del fuoco mentre anche i dipendenti di una cascina vicina stanno dando una mano ai proprietari della Boccalera nelle non facili operazioni di sistemazione della zona attaccata dalle fiamme. Si sta già cercando di far luce sulle cause, anche se con ogni probabilità si tratta di un caso di autocombustione.

(Ore 7 e 30 del 27 agosto) I vigili del fuoco sono ancora al lavoro alla cascina Boccalera dopo il gigantesco rogo di fine partito nella serata di ieri. per tenere sotto controllo la zona del rogo sono ancora presenti due mezzi dei pompieri . È andata in cenere un’area di 600 metri quadri dove erano stipate circa 500 rotoballe di fieno. Sul posto durante la notte anche la sindaca di Lodi Casanova, gli agenti della questura e della polizia locale del capoluogo.

(22.30) Incendio in corso a Cascina Boccalera a Lodi. Poco dopo le 22 di mercoledì a prendere fuoco è stato un fienile dell’azienda agricola situata a lato della strada provinciale 235, nella zona del Parco tecnologico padano. Sul posto squadre del comando di Lodi e dei distaccamenti volontari di Casalpusterlengo e Sant’Angelo Lodigiano con tre autobotti e un’autopompa. L’odore acre di fumo ha già raggiunto i quartieri limitrofi alla tangenziale e il centro di Lodi, con numerose segnalazioni giunte negli ultimi minuti anche alla redazione del «Cittadino».

Un precedente incendio si verificò nel maggio 2014 (a cui si riferisce la fotografia), in quel caso a bruciare fu ancora il fienile (in fiamme 1500 quintali di fieno), con danni inizialmente quantificati in 20mila euro e 13 persone evacuate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA