CLIMA Il Lodigiano tra le province peggiori

Lodi quintultima nell’elenco delle province

CLIMA Il Lodigiano tra le province peggiori
Le temperature estreme sono ormai all’ordine del giorno

Non che ci volesse Il Sole 24 Ore a ricordarcelo, ma certo vedere la graduatoria nero su bianco in qualche modo certifica ufficialmente (e definitivamente) una percezione che molti lodigiani hanno ormai da tempo, se non da sempre. Lodi è tra le città peggiori d’Italia per clima. Più precisamente è al quint’ultimo posto, in posizione 103 su 107, in buona compagnia tutto attorno con Piacenza, appena sopra di noi, e poi con Cremona, subito dopo e Pavia dopo ancora. Insomma, la Val Padana centrale sembra proprio un’area pessima per il clima.

A comporre la graduatoria concorrono i punteggi ottenuti da tutti i capoluoghi di provincia italiani in 10 diversi indicatori climatici, validati dal team di meteorologi di 3Bmeteo, con calcoli sul valore medio giornaliero, annuale e decennale registrato. Lodi di fatto non eccelle in nessun indicatore. Per quanto riguarda le ore di sole al giorno, Lodi è in posizione 83 su 107, per l’indice di calore, cioè i giorni annui con temperatura percepita superiore a 30 gradi siamo in posizione 53, mentre per le ondate di calore cioè gli sforamenti con almeno 30 gradi centigradi per 3 giorni consecutivi nel decennio ci troviamo in posizione 67. Dunque per gli indicatori riguardanti il sole, oscilliamo tra la metà e la parte bassa della classifica. L’unico sussulto lo abbiamo per gli eventi estremi, e sembra una beffa dopo aver appena vissuto una tempesta di vento e grandine come poche volte ci si ricorda. Siamo al 30esimo posto nella graduatoria con i giorni annui che presentano accumulo di pioggia eccezionale (oltre 40 millimetri per fascia esaoraria).

A metà classifica, posizione 56, Lodi è invece per la brezza estiva e la velocità del vento. Parametri che forse stanno cambiando, ma che sulla media dei 10 anni ancora ci danno in posizioni decenti. Va peggio per l’umidità relativa cioè i giorni annui fuori dal confort climatico (nel range tra il 30 e il 70 per cento di umidità). Lodi è in posizione 67, e nel nostro caso lo sforamento del confort avviene per eccesso di umidità. Le raffiche di vento superiori a 25 nodi, potenzialmente difficili, ci vedono invece andare in una posizione sostenibile rispetto alle altre città, al posto 40 di 107. I giorni di pioggia con accumuli superiori ai 2 millimetri collocano Lodi ancora quasi a metà classifica, in posizione 59. Ma a dare il colpo di grazia al nostro indice del clima sono gli ultimi due indicatori: i giorni di nebbia annui ci penalizzano collocandoci in posizione 101, lo stesso risultato che raggiungiamo nella graduatoria dei giorni freddi, con temperatura massima percepita inferiore a 3 gradi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA