I vampiri di Meyer: un ritorno atteso, ma riuscito a metà
“Midnight sun”

I vampiri di Meyer: un ritorno atteso, ma riuscito a metà

Il nuovo romanzo dell’autrice di “Twilight” che stavolta racconta la storia dalla parte di Edward

Se si ascolta una coppia di fidanzati ricordare un momento vissuto insieme, sembrerà di trovarsi di fronte a due storie diverse. Le emozioni, le motivazioni e i particolari osservati, infatti, sono unici per ciascuna persona e aggiungono al ricordo dello stesso momento tratti inediti. Partendo da questo principio Stephenie Meyer, autrice del betseller “Twilight”, ha riscritto la storia che l’ha resa celebre dal punto di vista del protagonista maschile, il vampiro Edward. A fine 2020 è quindi uscito sugli scaffali “Midnight Sun”, un volume di oltre settecento pagine destinato già dal suo debutto ad incuriosire gli appassionati della saga.

Abituato alla solitudine e a una condizione esistenziale che lo porta da un centinaio di anni a non avere una dimora fissa, Edward viene destabilizzato dall’incontro con Bella, un’umana che non si lascia intimorire dal fatto che lui sia un vampiro.

Divorato sul principio dalla sete di sangue, egli scoprirà un po’ alla volta di poter provare altri sentimenti. Immerso per questo in un continuo conflitto interiore, ritroverà un’umanità che credeva morta, ma che era rimasta soltanto sopita.

Il progetto della Meyer era stato annunciato più di dieci anni fa, ma poi accantonato. A causa di una fuga di notizie, alcuni capitoli erano, infatti, circolati in rete. Riprendere in mano una vicenda nota dopo tutti questi anni non garantisce, nemmeno al lettore più affezionato, di riprovare le stesse emozioni e ciò può essere motivo di delusione.

Nasce quindi il dubbio che l’autrice stia tentando, con un’operazione commerciale, di rinverdire il successo ottenuto in passato. Il tentativo, però, è riuscito a metà e non solo per il lungo lasso di tempo intercorso, che ha comportato inevitabilmente un mutato orizzonte di attese da parte dei lettori.

La narrazione, pur contenendo molti spunti interessanti, indugia eccessivamente sui sentimenti di Edward, con il risultato che l’azione ne risulta un po’ appesantita. Questo non significa che la Meyer non sappia più scrivere ed è probabile che “Midnight Sun” attirerà nuovi lettori. L’auspicio, però, è che la scrittrice sappia per il futuro ritrovare l’ispirazione che aveva caratterizzato Twilight, proponendo ai suoi lqualcosa di completamente nuovo


© RIPRODUZIONE RISERVATA