«Nell’ambito Wasken nessuna superficialità nella pratica sportiva»
Gigi Bisleri

«Nell’ambito Wasken nessuna superficialità nella pratica sportiva»

Spogliatori “vietati” all’Amatori, la risposta del presidente Bisleri al vicesindaco Maggi

Carissimo Assessore allo Sport e Vicesindaco Lorenzo Maggi,

in merito alla sua lettera pubblicata sul quotidiano «Il Cittadino» lunedì 31 agosto, alla rubrica “Lettere e opinioni”, a titolo “Pratica sportiva la superficialità può costare cara”, posso tranquillamente asserire che mai e poi mai, in qualità di presidente del Club Wasken Boys ASD, e la Dirigenza del settore Hockey a rotelle Amatori Wasken, non c’è mai stato alcun dubbio su come agire e praticare nel massimo rispetto delle regole emanate dal Ministero dello Sport e dei vari Organi competenti delle discipline sportive. Purtroppo qualche osservazione è stata fatta leggendo i Documenti inviateci dal Comune di Lodi in merito al PROTOCOLLO CONTENIMENTO RISCHIO DI CONTAGIO COVID-19 e il CONTRATTO DI UTILIZZO IMPIANTO SPORTIVO PALACASTELLOTTI PER ATTIVITÀ SPORTIVA.

A fronte di ciò ho chiesto chiarimenti al Capo Ufficio Settore Sport del Comune di Lodi, Dott.ssa Caterina Uggè, non ricevendo riscontri illuminanti, successivamente in data 20 agosto 2020, ho inviato specifica richiesta per un ulteriore confronto chiarificatore con il Dirigente di Settore Ing. Giovanni Ligi alla presenza dell’Assessore allo Sport Lorenzo Maggi.

Riunione che ci è sta confermata per il 31 agosto 2020, alle ore 10,30 in video conferenza.

Alla conferenza oltre ai già citati responsabili dell’Amministrazione Comunale erano presenti per il Club Wasken Boys il Dott. Claudio Gazzola, il responsabile del settore Hockey Amatori Wasken, Gianni Blanchetti, e attentamente seguita dallo scrivente.

Dopo un’attenta disanima dei punti relativi al PROTOCOLLO CONTENIMENTO RISCHIO DI CONTAGIO COVID-19 E CONTRATTO DI UTILIZZO IMPIANTO SPORTIVO PALACASTELLOTTI PER ATTIVITÀ SPORTIVA, si è condiviso, dietro nostro suggerimento e al buon senso dei nostri interlocutori, siamo riusciti a modificarne alcuni in modo che risultassero più confacenti alla pratica sportiva dell’hockey a rotelle e all’utilizzo del Palazzetto dello sport in riferimento alle disposizioni in materia di sicurezza.

Nel sottolineare il raggiungimento di questi compromessi, sarò ripetitivo, faccio di nuovo presente che, attualmente, in alcuni settori sportivi gli atleti e i loro tecnici, usano, regolarmente, gli spogliatoi e le docce. Perché, ai nostri atleti, grandi e piccoli, dell’Amatori Wasken, non ne è permesso l’uso nel Palazzetto dello sport a Lodi?

Perché i Comuni delle Società di Hockey a rotelle che partecipano al campionato di serie A, permettono l’uso degli spogliatoi e delle docce?

Dove stanno le differenze?

Pur avendo opinioni diverse dell’Assessore Lorenzo Maggi e dalle figure specializzate, sono consapevole della delicatezza di questo momento e vorrei tranquillizzarli perché, nell’ambito della Wasken Boys, non esistono e mai sono esistite superficialità nel promuovere lo sport, a salvaguardia della salute delle persone.

Gigi Bisleri

Presidente Club Wasken Boys

Lodi


© RIPRODUZIONE RISERVATA