L’augurio è che regalino a tutti noi ottant’anni di musica

L’augurio è che regalino a tutti noi ottant’anni di musica

Senna Lodigiana

Caro direttore,

ti sarei grato se volessi pubblicare queste due foto d’epoca, degli “anni poveri ma belli” della banda parrocchiale di Senna Lodigiana.

La prima si riferisce ad un momento difficile, quando i bandisti erano rimasti in pochi e nemmeno c’erano le entrate sufficienti per rinnovare le divise, cosicchè ci si accontentava di suonare con il solo cappello in testa, mentre per andare a fare servizi in trasferta si usava la propria auto (senza nessun rimborso spese) e non più come si usava prima, noleggiando la corriere del mitico Piero Forti ovvero “Furtìn”.

Il primo a destra a dirigere il gruppo è l’indimenticabile capobanda e anima del corpo bandistico, Angelo Pozzoli “al Moru”, uomo di chiesa e musicista autodidatta, a cui in anni recenti il Comune di Senna dedicò una Via del paese. “Al Moru” era parente di quel don Pozzoli che battezzò e aiutò la crescita di quel piccolo bambino che sarebbe diventato Papa Francesco.

La seconda foto mostra un gruppo di bandisti, famigliari e amici della banda in gita; l’organizzazione di una gita gratuita per i suonatori fu in alcuni annate un vero avvenimento paesano che muoveva decine di famiglie. Credo che la foto sia quella della gita di più giorni che facemmo a Roma nel 1970. Nella foto si vede solo una parte dei partecipanti, per lo più i giovanissimi, qualche coppia e alcune donne. Si riconoscono da sinistra in piedi: Steu al sepultur, Pierluigi, Cilè, Erminio Marconetti e la moglie Mariuccia, Carlìn stradìn e la moglie, Mario Raimund, Giovanni Favari; seduti da sinistra: Carlìn Bassini, mia mamma Emilia Fontana, Italo, Gineto e moglie, Cechìna la maièra, Franco Marcunetìn, Emilia Castellotti, Virginia, Letizia e Domenico Zinzalini.

Spero che questo mio ricordo giunga gradito a tutti i sennesi e in particolare agli amici bandisti, e che sia di sprone per continuare verso altri...80 anni di musica.

Pierluigi Cappelletti

Orio Litta


© RIPRODUZIONE RISERVATA