Lodi, al Calam nasce il corso per diventare specialisti del packaging cosmetico

Al via le iscrizioni, la proposta è destinata alla formazione di 20 giovani in collaborazione con alcuni partner industriali del territorio

Lodi, al Calam nasce il corso per diventare specialisti del packaging cosmetico
Marina Ratto, direttrice del Calam (archivio)

Un percorso di un anno a stretto contatto con le imprese del settore per diventare tecnici del packaging per l’industria cosmetica. È la nuova proposta di istruzione e formazione tecnica superiore in corso di realizzazione da parte di Calam Cfp di Lodi. Le iscrizioni al corso, gratuito, sono in fase di definizione in questi giorni e accoglieranno 20 giovani in possesso di diploma di istruzione secondaria superiore o diploma professionale di tecnico, o a coloro che hanno i requisiti per l’ammissione al quinto anno dei percorsi liceali.

Obiettivo del corso, in avvio nelle prossime settimane e con chiusura prevista per giugno, è quello di formare una figura esperta di packaging per il mondo della cosmesi, in grado di muoversi e governare gli aspetti principali dell’intero processo di progettazione dall’analisi degli obiettivi fino al processo di industrializzazione, considerando la specificità del settore cosmetico, particolarmente forte e vivace nel distretto tra Lodi e Crema.

«Siamo partiti da un’analisi di mercato specifica, il Lodigiano è un territorio dove l’industria cosmetica è molto forte e il percorso verso l’Ifts è stato costruito da subito insieme ad alcuni partner industriali, in particolare Lumson – spiega Marina Ratto, direttrice del Calam Cfp –. Volevamo un corso innovativo, ma in grado di rispondere a un bisogno effettivo del territorio. È nato questo progetto di Ifts che ha raccolto l’adesione e la collaborazione di importanti partner, un supporto indispensabile e che è la caratteristica qualificante. Ci attendiamo un ottimo successo formativo, considerando che andremo a preparare figure tecniche specialistiche molto cercate dal settore e nel territorio, con competenze riferite anche ai nuovi temi della sostenibilità».

Gli Ifts, e anche quello in Tecnico del packaging per l’industria cosmetica, hanno proprio nella stretta relazione con il mondo del lavoro il loro elemento principale, a partire dalla docenza affidata in gran parte proprio ai professionisti delle aziende partner per finire con il tirocinio aziendale (500 ore) che mette alla prova le competenze teoriche acquisite dagli allievi nell’attività formativa in aula (500 ore) e li fa incontrare in concreto il mondo del lavoro. Il tasso di occupazione al termine degli Ifts è superiore all’80 per cento.

Partner del progetto sono enti e istituzioni come il Comune di Lodi, l’Università Cattolica del Sacro Cuore, il Polo Formativo Universitario Lodigiano, Il Polo Tecnologico della Cosmesi di Crema, istituti di credito come Bcc Centropadana, industrie come Lumson Cosmetic Packaging Industries di Capergnanica in provincia di Cremona, Laminati Cavanna di Calendasco in provincia di Piacenza, Dottor Solari Cosmetics di Somaglia, enti e società di formazione come l’Istituto d’Istruzione Superiore di Codogno e Packaging Meeting di Milano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA