Contagiato un 71enne di Mediglia, anche il Sudmilano fa i conti con l’emergenza

Contagiato un 71enne di Mediglia, anche il Sudmilano fa i conti con l’emergenza

Melegnano annulla il mercato domenicale. intervengono i sindaci di San Donato e San Giuliano

Barbara Sanaldi

È un 71enne di Mediglia, in condizioni discrete con una lieve sintomatologia, il primo ricoverato per coronavirus nel Sudmilano. L’uomo, del quale non sono state diffuse ulteriori informazioni, si è presentato nella tarda mattinata di ieri all’ospedale Predabissi lamentando disturbi lievi, fanno sapere dal nosocomio. Ricoverato per precauzione e sottoposto ai testi previsti, in serata si è appreso che il 71enne risulta essere stato contagiato. Già effettuato il trasferimento presso il San Matteo di Pavia, si è adesso attivata la rete per verificare dove e come l’uomo possa aver contratto il virus, mentre verranno effettuate verifiche anche sulla sua rete di contatti. Quello che quindi si era presentato come un “normale” sabato di lavoro, con un occhio alle notizie che scorrono sugli schermi televisivi, e l’attenzione abituale al consueto avvicendarsi di pazienti che si presentano al banco dell’accettazione raccontando di malori e disturbi “consueti”, è proseguito con l’inizio di un nuovo allarme. Fino a poche ore prima al Predabissi non erano stati segnalati casi sospetti, ma dai responsabili confermavano lo stato di “massima allerta”, con il personale preparato per affrontare eventuali emergenze. Se così al Predabissi il temuto caso si è verificato, resta alta l’attenzione anche presso l’altro pronto soccorso del territorio, quello di San Donato, ospedale il cui Gruppo sta in queste ore affrontando l’altro caso segnalato nel Milanese, quello del 77enne di Sesto San Giovanni ricoverato da cinque giorni al San Raffaele. In entrambi i presidi ospedalieri è stata poi rinnovata la richiesta di nuove forniture di sicurezza, mascherine con filtro e guanti adatti ad accogliere pazienti che presentano sintomi riconducibili al temuto virus. Nel frattempo, il Sudmilano sembra guardare con la massima attenzione a quanto sta succedendo. A Melegnano annullato il tradizionale mercato domenicale. Dai sindaci di San Donato e San Giuliano, Andrea Checchi e Marco Segala, arriva un comunicato congiunto nel quale spiegano che «in queste ore stiamo seguendo da vicino con attenzione e trepidazione l’evolversi della situazione riguardo la vicenda del Coronavirus nei Comuni del lodigiano. Siamo particolarmente coinvolti – dicono - in quanto alcune persone (lavoratori, studenti) operano, lavorano e agiscono nelle nostre due città», ribadendo comunque di voler assicurare «la massima attenzione al problema, con la garanzia della tempestiva informazione a tutta la cittadinanza dei nostri comuni».


© RIPRODUZIONE RISERVATA