PIEVE FISSIRAGA Itelyum cresce: rilevate tre società che operano nella pulizia del mare

Le aziende del gruppo triestino Crismani sono attive nella gestione dei rifiuti

PIEVE FISSIRAGA Itelyum cresce: rilevate tre società che operano nella pulizia del mare
Il quartier generale di Itelyum a Pieve Fissiraga

Itelyum cresce nella pulizia del mare, rilevate alcune società del gruppo triestino Crismani attive nella gestione dei rifiuti negli ambiti portuali di Trieste, Monfalcone e San Giorgio di Nogaro. Nel pacchetto acquisito ci sono anche servizi di battellaggio, rimorchio e pronto intervento in mare con una flotta di oltre 30 mezzi navali, con impianti di trattamento delle acque di sentina e di zavorra e impianti di soil washing. Continua quindi la politica di espansione della società che ha sede a Pieve Fissiraga.

Oggi il gruppo Itelyum, nato dall’aggregazione di diverse società partecipate attorno a Viscolube di Pieve Fissiraga, storica azienda di riciclo lubrificanti e controllato dal fondo Stirling Square (con socio di minoranza DBag), conta su 1.000 dipendenti in 26 aziende operative a livello mondiale, con 5mila tonnellate di rifiuti speciali gestiti ogni giorno, e ricavi generati nel corso dell’anno passato per 500 milioni di euro.

Negli ultimi anni la società con quartier generale a Pieve Fissiraga ha portato avanti una crescita per linee esterne andando ad acquisire aziende che operano su mercati verticali della gestione rifiuti e dell’economia circolare, settore nel quale il gruppo Itelyum è oggi leader italiano ed europeo. Solo ad aprile era stata chiusa l’acquisizione della società emiliana Scie Srl, specializzata nel trattamento delle acque industriali, portando a sei le operazioni di questo tipo concluse dal 2020 a oggi.

La nuova acquisizione ha riguardato il 70 per cento delle società Sea Service Srl, Crismani Ecologia Srl e Navigazioni Stoini Srl, e rappresenta per Itelyum l’ingresso nel mercato della gestione ambientale in ambito portuale e il rafforzamento dell’attività di servizi alla grande industria nell’ottica di global service provider.

«Il nostro gruppo amplia l’offerta verticale di gestione sostenibile delle acque e consolida la sua posizione di riferimento nella gestione dei rifiuti industriali nel Nord-Est - commenta Marco Codognola, Amministratore Delegato Itelyum -. Il sistema portuale italiano grazie agli investimenti previsti nei prossimi anni è al centro di un processo di crescita strutturale, che garantirà al nostro paese una maggior competitività, di cui la tutela dell’ambiente nelle aree portuali e marittime ed elevati standard nella gestione dei rifiuti, sono componenti essenziali. Itelyum entra in campo per garantire, anche in questo ambito, elevati indici di circolarità, soluzioni sostenibili e tecnologie avanzate per il recupero delle risorse».

L’operazione soddisfa pienamente la controparte. «Portiamo in Itelyum la forza e la tradizione di un’eccellenza locale, e l’ingresso in questo Gruppo sfidante e solido ci consente di rafforzarci e di proporci come player di riferimento per il nostro settore nel Nord-Est in direzione dell’innovazione e della sostenibilità», dichiara la famiglia Crismani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA