La Provincia stabilisce le condizioni  per il “Business Park” di Ospedaletto
Un business park firmato dal gruppo Akno

La Provincia stabilisce le condizioni

per il “Business Park” di Ospedaletto

Compensazione del consumo di suolo e occupazione di qualità i “paletti” più significativi

La Provincia di Lodi chiude l’iter per il Business Park di Akno nella Bassa e vara il “modello Lodigiano per lo sviluppo del territorio”, un piano di proposte, di condizioni valide per ogni investitore che busserà a palazzo San Cristoforo per insediarsi nel Lodigiano. Akno Business Parks srl chiede dal 2018 di realizzare un centro logistico-direzionale-alberghiero da 500 posti di lavoro a tempo indeterminato sui terreni agricoli a ridosso del casello dell’A1 fra Ospedaletto e Livraga, operazione in variante ad ogni strumento urbanistico sulla base della legge regionale contro il consumo del suolo (L.31/2014). E rispetto al quale tutti gli enti, Comuni, Provincia e Regione hanno sempre ribadito la necessità di garanzie sulla quantità e sulla qualità dei posti di lavoro e sulle compensazioni ambientali ed economiche.

Di fatto, con questo documento la Provincia invita i Comuni d’Ambito, dunque Casalpusterlengo, Livraga, Orio Litta, Ospedaletto Lodigiano, Senna Lodigiana e Somaglia, a ratificare il documento con tutti i suoi contenuti, impegnandosi a produrre gli atti ufficiali di retrocessione dei terreni dai loro Pgt, in modo che Regione Lombardia abbia poi in mano dati concreti per avviare davvero l’Accordo di Programma e quindi dire sì o no al Business Park.


© RIPRODUZIONE RISERVATA