La mobilità sostenibile sbarca a Lodi: il car sharing di E-Vai per enti e aziende

Alla Centropadana la presentazione della società del gruppo Ferrovie Nord Milano

La mobilità sostenibile sbarca a Lodi: il car sharing di E-Vai per enti e aziende
Una delle vetture elettriche di E-Vai (Ribolini)

Le offerte e i vantaggi per le pubbliche amministrazioni, per le aziende e per il territorio, ma anche la filosofia e il modello innovativo. È sbarcato a Lodi ieri mattina, ospite della sala convegni di Banca Centropadana a Palazzo Sommariva, il roadshow della società E-Vai, realtà del gruppo Ferrovie Nord Milano che si occupa di car sharing sostenibile.

L’incontro, moderato dal direttore de Il Cittadino Lorenzo Rinaldi, si è aperto con i saluti di benvenuto del direttore generale di Bcc Centropadana Luca Barni e dell’assessore al Comune di Lodi Stefano Caserini, che ha spiegato come la città si stia sempre più orientando verso la sostenibilità. Poi è stato il presidente di Ferrovie Nord Milano Andrea Gibelli a entrare subito nel vivo. «Quello che proponiamo con il servizio di E-Vai è un nuovo modello di sostenibilità tramite un car sharing oggi basato sull’elettrico ma non in modo ideologico, tanto che probabilmente vi affiancheremo veicoli ibridi: il vettore è un mezzo, l’obiettivo è costruire un sistema sostenibile – ha detto il presidente Andrea Gibelli -. La sfida che vogliamo cogliere è quella di creare un sistema di car sharing integrato e strettamente connesso al ferro e alla mobilità dolce, che propone a pubbliche amministrazioni e aziende un modello di economia circolare vero e di transizione verso la sostenibilità».

A spiegare il dettaglio del modello è stato l’amministratore delegato di E-Vai Gianni Martino: «Abbiamo una flotta di 500 auto elettriche, in grado di percorrere 350 chilometri a piena carica, con un modello per cui le auto si lasciano dove si prendono, con alcune eccezioni: si possono lasciare sempre nelle stazioni ferroviarie dei capoluoghi di provincia e in aeroporto. Alle pubbliche amministrazioni e alle aziende proponiamo di sostituire la loro flotta o parte di essa con il nostro car-sharing. Dalle 8 alle 18 è a disposizione dei Comuni, poi alle 18 e nel week end i Comuni possono decidere di lasciarle a disposizione della cittadinanza, e sulla tariffa d’uso privata riconosciamo anche una quota di fatturato per cui alcune amministrazioni arrivano a non pagare. Lo stesso vale per le aziende, che possono inserirlo anche nei pacchetti welfare per i dipendenti». Centrale nella diffusione del car sharing elettrico è la diffusione delle colonnine di ricarica: «Siamo stati tra i primi a proporre l’infrastruttura ai comuni, a costo zero, e oggi siamo in 2mila 500 comuni, anche nel Lodigiano – ha spiegato Roberto Colicchio, Head of Business Development di Plenitude + Be Charge, partner di E-Vai -. Il mercato in Italia ha grandi spazi di crescita».

Luca Pasquino, specialista area Nord Ovest di Iccrea ha spiegato l’impegno verso la sostenibilità del gruppo bancario cui aderisce Bcc Centropadana, presentando l’iniziativa Rentup, il noleggio a lungo termine targato Iccrea e disponibile in tutte le banche del gruppo, nato in collaborazione con Arval. Prima delle conclusioni hanno portato la loro esperienza sulla mobilità sostenibile Emililano Lottaroli sindaco di Turano e Claudio Bariselli sindaco di Marudo, comuni nei quali da tempo sono installate le colonnine di ricarica di Be Charge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA