Tame ciàmarem in dialét cal satanàs da cal virus chi?

Tame ciàmarem in dialét cal satanàs da cal virus chi?

Pino Pagani e una chiacchierata con un amico sul tema più discusso

Tame ciamarem in dialet cal satanas da cal virus chi? La dumanda m’l’ha fài par telefono in chi dì chi, un amìs ca ’l sa stüfèva da stà in cà da par lü e ca ’l duèva parlà cun un quaidün par sfugas. Insì l’ha miga truàd ad méi che ciamàm e scambià quator bàgul.

Roba ca‘m fa sempor tant piasè e ca rifiüdi mai. Ben cun ben, l’amis al m’ha sügeriva da partì cun la prima part d’la parola ca i siensiàti i g‘han dài e ciuè , la curùna.

Per la vrità è saltàd fôra gnént ca ’ndés ben cul nost dialèt cudugnìn, in d’la bèla e lunga ciciaràda, è saltàd fôra quél ca la med’žina pupulàr, di temp indrè, miga ’pena quela di nòsti genitùr, ma ‘dritüra di nosti noni, ca l’èva ‘nca bat’žad , sempor naturalmente in dialèt, i divèrs malani e pür anca i rimédi.

Al püsè bèl, prò, l’è stai quand al ricòrd ad mè pà Napuliòn, al disèva ‘d sò" žìu barbisòn “, mutilàto d’la" grande guèra “,c’a sò volta l’andèva ai sò vèg’, quand i cürèvun al mal ad dent cun la" cica ‘d bàgul “.

‘Na bèla ridàda da ‘na part e c’l’altra, e via a prufundì l’argumént nal séns ca pÔ, ognun al disèva la sua. Da part mia, dopu natüralmént, ho aprufundìd la cunusénsa dal fàto ca la cica ’d bàgul l’èra gnént altor c’ al fund dal furnél d’la pìpa o la part avanžàda dal tuscàn, fài balà par ben in buca, tame i fan le vàche cul sò mangim. Armügà e sügütà armügà e pô tüt al ciüciàd, pugiàl in sül dènt ca’ l dulurèva e ca’t fèva miga dròm ad not.

Questa ca pudarésum ciamà la mudèrna cic’americana, i med’gòn o la med’gùna d’la Mota, ca pare füdés la püsè cunusüda, medicamént mis in sül dènt ca fèva màl e ‘sì, pare, pasés al dulùr. Qualdün altor invèce al metèva ‘na pesòla inbevüda ‘d gràpa. Altòr rimédi amò, suratüt al don, i i decòt cun malva o salvia .

Al libòr di malàni al s’èra dèrvìd sü tant’altor: al snôg’ dla lavandéra par l‘abitüdin d‘un temp chi gh‘èvun al don a lavà la biancherìa al lavatoi o süi sàs in riva ai fòs, incô visto ca ’d lavandére agh nè miga pü, l’è sustitüida dal snôg’ dal piastrelìsta o ‘l gùmod dal ténìsta e i mudèrn giugadur dal pìtarlo o quel püsè sul fìn, dal gulfìsta.

Disurb fìsich ligàd a la lur atività dal laurèri o spurtìva. Cun l’arpòs e sü la part infiamàda ca igh metèvun d’le burse ‘d gias. Pare questi ca i siun rimedi cunsiliad amò anca incô!

La lista l’andèva inans. Vìst ca ’l satanàs dal dì d’incô al ciàpa i pulmòn e ti at gh ‘è dificultà a respirà e cul fargiù, temp incô di rafredùd ad fén, ciuè l’alergìa stagiunal agredida da la gramìgna, tame nal mè caso ca ma cumpagna da püsè da sesant’àni e ca cüri cun al ribes négor ca cultivi a ciòp, nal mè urtìn e ca m’èva sügerìd suor Ave, piasentìna, quand ca l’èra Madre General di suor ca ‘na volta gh èr a l’uspedal, a Cudògn, rafredùr fin a quand in fàse acüta at s’è custrèt a manda žu le pastigliéte d’antistamìnich

In c’l’ultim caso chì, sü ‘na rivìsta d’agiurnament sanitàri evi legiüd ca l’aspét d’le radiugrafie pare ‘s disa: pulmòn dal paisàn !

In casìna e miga ‘pèna chì, i cürèvun le brunchìti cun le papìne ‘d linusa; le feride cun la sbuàsa ’d vaca; i dulùr rumàntich cul lard sbatüd o ‘l gras ad nimàl; la presiòn valta cun le sanguéte .

Rimédi in üs amò anca ‘l dì d’incô: pr’al rafredùd, ciamémol nurmal, prima d’andà a cùbi un sustansiùs decòt ad lat cul cògnach e mél; la tus asnìna vacanse in muntagna.

Al pruntuàri püsè stravagant ca’l sà püsè un rimèdi da stregòn indiàn, tame as ved in di film vèstèr ,( a cal prupòsit chì, n’ho fai una paciàda in chi di chì ad clausüra) al dis anca di ž’lòn ca i cürèvun cun l’ ai, opür anca le bižiàde d’insèt cun una munéda o cun la làma slàda dal misiròl e pÔ l’ülcera cul manda žù ‘na lümaga o ‘na rana viva; infìn le rùsule quand i tegnèvun al maladìn al scüri o cun una savàta giràda in tésta.

Na fèvun pü parchè na sèvun pü ! Dopu tüt quést, sém amò fèrm al pàl - tame dis un cèrgh mudèrn - ciuè sém gnamò tame disarém in dialèt, al satanas c ’la fài mÔr tanta gent e pürtrop ricuerà tantisima gent in tüt’al part dal mund, bat’žàd “curunavìrus”.

Ciau né, a la pròsima.

LA TRADUZIONE

Come chiameremo in dialetto quel satanasso di questo virus qui? La domanda me l’ha fatta per telefono in questi giorni qui un amico che si annoiava di stare in casa da solo e che doveva parlare con qualcuno per sfogarsi. Così ha trovato mica di meglio che chiamarmi e scambiare quattro parole.

Roba che mi fa sempre tanto piacere e che non rifiuto mai. Ben con bene, l’amico mi ha suggerito di partire con la prima parte della parola che gli scienziati hanno dato e cioè, la corona.

Per la verità è saltato fuori niente che andasse bene col nostro dialetto codognino, nella bella e lunga chiacchierata, è saltato fuori quello che la medicina popolare, dei tempi indietro, mica appena quella dei nostri genitori, ma addirittura dei nostri nonni, e che avevano anche battezzato, sempre naturalmente in dialetto, i diversi malanni e pur anche i rimedi.

Il più bello, però, è stato quando il ricordo di mio papà Napoleone, diceva di suo “zio baffone”, mutilato della “grande guerra”, che a sua volta andava ai suoi vecchi, quando curavano il mal di denti con la “cicca di tabacco" .

Una bella risata da una parte e dall’altra, e via ad approfondire l’argomento, nel senso che poi, ognuno diceva la sua. Da parte mia, dopo naturalmente, ho approfondito la conoscenza del fatto che la cicca di tabacco era niente altro che il fondo del fornello della pipa o la parte avanzata del sigaro, fatta ballare per bene in bocca, come fanno le mucche col loro mangime. Masticare e continuare a masticare e poi tutto il succhiato, appoggiato sul dente che dolorava e che ti faceva mica dormire di notte.

Questa che potremmo chiamare la moderna cicca americana, i guaritori o la guaritrice della Motta, che pare fosse la più conosciuta, medicamento messo sul dente che faceva male e pare passasse il dolore. Qualcun altro invece metteva una pezzuola imbevuta di grappa. Altro rimedio ancora, soprattutto le donne, i decotti con malva e salvia.

Il libro dei malanni s’era aperto su tanto altro: il ginocchio della lavandaia per l’abitudine di un tempo che avevano le donne di lavare la biancheria al lavatoio o sui sassi in riva ai fossi, oggi visto che di lavandaie non ce ne è mica più, è sostituita dal ginocchio del piastrellista o il gomito del tennista o i moderni giocatori di baseball o quello più sul fine, del golfista.

Disturbi fisici legati alla loro attività lavorativa o sportiva. Con il riposo e sulla parte infiammata che ci mettevano delle borse di ghiaccio. Pare questi che siano rimedi consigliati ancora anche oggi !

La lista andava avanti. Visto che il satanasso del giorno d’oggi prende i polmoni e tu hai difficoltà a respirare e col raffreddore, tempo oggi di raffreddore da fieno, cioè l’allergia stagionale aggredita dalla graminacea, come nel mio caso che mi accompagna da più di 60 anni e che curo col ribes nero che coltivo a cespugli nel mio orticello e che m’aveva suggerito suor Ave, piacentina, quando era Madre Generale delle suore che una volta erano all’ospedale, a Codogno, raffreddore fino a quando in fase acuta sei costretto a mandare giù le pastigliette di antistaminico.

In quell’ultimo caso su una rivista di aggiornamento sanitario avevo letto che l’aspetto delle radiografie pare si dicesse: polmone del contadino!

In cascina, e mica appena qui, curavano le bronchiti con le polentine di linosa; le ferite con lo sterco di mucca; i dolori reumatici col lardo battuto o il grasso di maiale; la pressione alta con le sanguisughe.

Rimedi in uso ancora anche al giorno d’oggi, un sostanzioso decotto di latte col cognac e miele; la pertosse con vacanze in montagna.

Il prontuario più stravagante che sa più di rimedio da stregoni indiani, come si vede nei film western (a questo proposito qui, ne ho fatto una scorpacciata in questi giorni qui di clausura) dice anche dei geloni che curavano con l’aglio, oppure anche le punture di insetti con una moneta o con la lama gelata di un falcetto e poi l’ulcera col mandare giù una lumaca o una rana viva; infine il morbillo quando tenevano il malatino al buio o con una ciabatta girata in testa.

Non ne facevano più perchè non ne sapevano più !” Dopo tutto questo, siamo ancora fermi al palo - come dice un proverbio moderno - cioè non sappiamo ancora come diremo in dialetto, il satanasso che ha fatto morire tante gente e purtroppo ricoverare tantissima gente in tutte le parti del mondo, battezzato “coronavirus”!

Ciao né, alla prossima . 
Pino Pagani


© RIPRODUZIONE RISERVATA