Stamatìna son ‘ndài in piàsa: el rusét e pö... la mascherìna

Stamatìna son ‘ndài in piàsa: el rusét e pö... la mascherìna

Maddalena Negri tra i timori per il coronavirus e la gioia di tornare alla normalità

Ve dìŝi la verità: ‘péna me dersédi la matìna el prim pensiér el va al coròna vìrus, riési no a desmentegàl. So ch’l’è sbagliàd, me bràvi in da per mi: “Fà no insì, Maddalena; t’sé a cà tùa, per el mumént te stè bén, el to om e la to famìlia i stan bén”, ma me bàsta no per chietàm. Me guàrdi atùrn e respìri ‘n’ària malàda che me fà sufegà. Adès sém stài un po’ liberàdi da la quaranténa, ma mi me fìdi no de chel malnàt chi e sto riguardàda ànca perché a lü ghe piàŝ i nònni. Per amùr del ciél, l’è méi ch’el tàca i vèci che i fiöi! P’rò se el fés i valìŝ e ‘l ‘ndarés sarésom tüti cunténti. Dùe gavarésol d’andà? Da nisüna part se no el ‘nfetarés àltri òmi… va bén no. Alùra l’è méi ch’el se cunvertìsa e ‘l divénta bràu insì gavarésom pü pagüra de lü e, magàri, starésom bén inséma. Quànti stüpidàd son adré a cüntà; l’è ‘l càŝo ch’la piànti lì se no fo végn la pecündria ànca a viàltri.

Quàlche mumént de suliév l’ò pruàd in chi méŝi chi, l’è stài quànd me son cuciàda ai pé del Signur e gh’ò dì: “Signur, son stermìda, son bùna no gnànca da pregà, p’rò son sicüra che Ti te me cèrchi e te me trövi, tàme te cèrchi e te trövi ògni om per ütàl e cunsulàl”. L’è ‘na preghiéra picinìna picinìna, ma la me raseréna perché sénti l’amur del Pàdor che me ‘bràsa.

Tànta emusiòn ò pruàd nel véd el Papa inŝnuciàd davànti al Signùr in da per lü, sùta l’àqua, in Piàsa San Pédor vöida, in preghiéra per la fin d’la pandemìa.

Ringràsi ànca el Vesch e i nòsti préti per avè cercàd travèrs el teléfono, la televiŝiòn e i vàri sistémi tecnologici, da fà sént la so vicinànsa supratüt a le persùne e a le famìglie püsè culpìde.

Adès deŝméti da fà la religiùŝa e ve cünti dùe son ‘ndài stamatìna: dòpu tànti dì de clauŝùra me son vestìda tüta in tìro e son ‘ndài in piàsa a pé. Gh’èvi no ‘na méta stabilìda, ò giràd guardàndo vedrìn e negòsi finalmént vèrti, me parìva ‘na fèsta da dì no. Son ‘ndài indrén da nisùna part, ò töi gnént, ma me son sentìda alégra tàme ‘na fiuléta. P’rò n’ò fài vüna di me: prìma d’andà föra, me son guardàda al spèc… me sèri deŝmentegàda el rusét. S’pöd no ‘ndà in piàsa sénsa rusét! Ò tiràd föra da la bursèta el me rusèt bèl vivarùŝ, m’el méti e…pö méti la mascherìna. Son ’ndài in gir tirénta ‘me un gìgiu… quànd son vegnüda a cà ò cavàd guànti e mascherìna…. Pensè un po’ …l’èra vùncia vernighénta! Na fò pü perché na so pü! Pensì che quaidüna d’àltri à fài ‘na stravacàda cumpàgna? Pénsi pròpi de no!

Me son sfugàda un po’, sto püsè bén. Vo a preparà da mangià, natüralmént ‘péna per dü. Tàme i me màncun le bèle taulàde cun fiöi e neùdi, i marmitòn de pastasüta, el gaŝaghè, l’alegrìa d’la giuentü.! In un àtim adès prepàri e sprepàri…

Spetè, ‘rìva ‘na video chiamàta cun la bànda al compléto: “Nonni, state bene? Ci mancate, vi vogliamo bene!” La malincunìa la pàsa.

LA TRADUZIONE


Vi dico la verità: appena mi sveglio la mattina il primo pensiero va al coronavirus, non riesco a dimenticarlo. So che è sbagliato, mi sgrido da sola: “Non fare così Maddalena, sei a casa tua, per il momento stai bene, tuo marito e la tua famiglia stanno bene”, ma non basta per quietarmi. Mi guardo attorno e respiro un’aria malata che mi fa soffocare. Adesso siamo stati un po’ liberati dalla quarantena, ma io non mi fido di questo bislacco e sto riguardata anche perché a lui piacciono i nonni. Per amor del cielo, è meglio che attacchi i vecchi che i giovani! Però se facesse le valigie e se ne andasse saremmo tutti contenti. Dove dovrebbe andare? Da nessuna parte, altrimenti infetterebbe altri uomini… non va bene. Allora è meglio che si converta e diventi bravo così non avremmo più paura di lui e, magari, staremmo bene insieme. Quante stupidaggini sto raccontando, è il caso che la pianti lì altrimenti faccio venire la fissazione anche a voi.

Qualche momento di sollievo l’ho provato in questi mesi, è stato quando mi sono accucciata ai piedi del Signore e Gli ho detto: “Signore, sono spaventata, non sono capace neanche di pregare, però sono sicura che Tu mi cerchi e mi trovi, come cerchi e trovi ogni uomo per aiutarlo e consolarlo”. E’ una preghiera piccola piccola, ma mi rasserena perché sento l’amore del Padre che mi abbraccia. Tanta emozione ho provato nel vedere il Papa inginocchiato davanti al Signore, da solo sotto la pioggia in Piazza San Pietro deserta, in preghiera per la fine della pandemia. Ringrazio anche il Vescovo e i nostri preti per aver cercato attraverso il telefono, la televisione e i vari sistemi tecnologici, di far sentire la loro vicinanza soprattutto alle persone e alle famiglie più colpite.

Adesso smetto di fare la religiosa e vi racconto dove sono andata stamattina: dopo tanti giorni di clausura mi sono vestita tutta elegante e sono andata in piazza a piedi. Non avevo una meta stabilita; ho girato guardando vetrine e negozi finalmente aperti, mi pareva una festa da non dire. Non sono entrata da nessuna parte, non ho comprato niente, ma mi sentivo allegra come una ragazzina. Però ne ho fatta una delle mie: prima di uscire mi sono guardata allo specchio… mi ero dimenticata il rossetto. Non si può andare in piazza senza rossetto! Ho tirato fuori dalla borsetta il mio rossetto bel vivace, me lo metto…. e poi metto la mascherina. Sono andata in giro tutta impettita…, quando sono tornata a casa ho tolto guanti e mascherina… pensate un po’: era macchiata di rosso. Non ne faccio più perché non ne so più! Pensate che qualcun’altra abbia fatto una simile stupidaggine? Penso proprio di no!

Mi sono sfogata un po’, sto meglio. Vado a preparare da mangiare, naturalmente appena per due. Come mi mancano le belle tavolate con figli e nipoti, le marmittone di pastasciutta, la confusione, l’allegria della gioventù! Adesso in un attimo preparo e sparecchio. Aspettate, arriva una video chiamata con la banda al completo: “Nonni, state bene? Ci mancate, vi vogliamo bene.” La malinconia passa. 
Maddalena Negri


© RIPRODUZIONE RISERVATA