Sa, ‘ndem in Germania  a ved una partida del mundial

Sa, ‘ndem in Germania

a ved una partida del mundial

Pierluigi Cappelletti racconta il viaggio a Stoccarda per vedere Italia-Argentina nel 1974

M’è capitad da pissà la televissiòn e vedi che i trasmetu Italia – Argentina, Campionato del Mondo 1974. Al mument cerchevi da fam ven in ment cume l’era finida...poe quand Nando Martellini al diz: “ Al Neckarstadion di Stoccarda...” ma s’é pissad la lampadina! Cuiòn la mè Rusìn, ma cal di là in mez a tuta cla gent là ga seri anca mi! Gh’evi vint ani giusti giusti e seri là cul mè amis Angelo, cun Antonio so papà e cun Bigìn sculìn che al saress diventad so suocero. Tri perssùn d’ori che a Sena nissùn ha dasmentegàd …

Tut era cuminciad al “Bar da Nando”. Al disnà andèvi a ved a giugà a cart e a parlà dal balòn. Prima da cumincià a laurà, fin a la vuna e mezza, gh’era la fila a sfidà a scua d’ass Franco al Moru. Franco l’era al campiòn, na perdeva vuna ogni mort ad vesch. I so soci e aversari i disevu che al gh’èva un cul...ma un cul...Lì sa trueva sempar anca al siur Antonio Paladini. Mi la cunussevi ben parchè l’era un client da mè papà, al barbè Cericu. Calssòn scuri, camissa bianca cun i bretell a tegn ssu i calssòn, grand e rubust, dadrè ai so uciai cun la muntadura negra al gh’èva sempar una batuda e una bela parola par tuti. Al buéva una Tassoni e al tudéva un Saridon, poe al ga déva la bala al Moru, ma al giughèva quasi mai cuntra da lu. Ieru i di che cumincèva al mundial in Germania e tuti na parlèvu. Titorla midarla, un dubass salta ssu al siur Antonio e al fa: “Sa, ‘ndem in Germania a ved una partida.“

E Bigìn sculìn al fa:“ Fin in Germania?” Ciapla da chi, metla da là, la vuz la gira e un quaidun al cumincia a trala sul rid: “Ma due vot andà?” Invece...dit e fat! Angelo al ma invita anca mi, sa mitem d’acordi che viagiarem ad not. A dez ur dla sira dla vigilia saltem ssu la 124 Special e ... via! Al siur Antonio al vulant, cun so fioel Angelo setad da part; mi e Bigìn setadi da drè. Rivadi in ver al Brenero, sa cuarcem i gamb cun la querta parchè feva fregg e cumincemm a pisulà. La 124 Special blue l’era una siura machina e la ‘ndéva che l’èra una meraviglia! A l’impruisa senti la machina che la sbanda un mument. Angelo al tignèva d’oegg la strada e vist che so pà al gh’èva i oegi che sa sareva ssu un brisinìn, la fai fermà e al s’è miss lu a guidà. Ven cèr e sem su l’autostrada in Germania. Machin grossi dapartut, chi surpassu da chi e da dlà la 124 Special: seram sicuri da viagià su una machina miga da rid e in Germania la pariva una machinina!

Rivadi alo stadio, tudem i biglieti, du panini e i patatin e sa mitem sui gradinad. Gh’evam da part du o tre don dl’Argentina, vuna biunda e granda, miga trop cuarciada, che la suteva saltà cun in man una bandiera e a vusent: “Ar- hen -tina, Ar -hen -tina!” Num la guardevam e al siur Antonio, cul so fa da gentilom, l’ha pruad a tacà butòn... Da tuta la partida m’era restad in ment du numi: Perfumo e Benetti, parché seri sicur che ievu segnad i gol. Ier sira a la television ma spetevi al gol ad Perfumo e quand ho vist che eva segnad un oltar, son restad gnan mè mi. Dopu, mez indurment, ho vist tuti brassà ssu Benetti in mez al camp. Italia – Argentina vun a vun. E ho capid che Perfumo, al num che evi mai dasmetegad, lu al gol l’eva ben fai, ma in dla so porta!

LA TRADUZIONE

Mi è capitato di accendere la televisione e vedo che trasmettono Italia – Argentina Campionati Mondiali 1974. Al momento cercavo di ricordare come fosse finita, poi sento Nando Martellini che dice: “ Al Neckarstadion di Stoccarda...” e mi si è accesa la lampadina. Accidenti! Ma quel giorno là, in mezzo a tutta quella gente, c’ero anch’io! Avevo vent’anni ed ero là col mio amico Angelo, con suo papà Antonio e con Luigi il ciabattino, che sarebbe diventato suo suocero. Tutto era cominciato al Bar da Nando. Al pomeriggio ci andavo per vedere giocare a carte e parlare di calcio. Prima di riprendere a lavorare, fino alle 13.30 c’era la fila a sfidare a scopa d’assi Franco il Moro. Lui era il campione, ne perdeva una ogni morte di Papa. I suoi amici e avversari dicevano che era solo questione di fortuna sfacciata! Era lì tutti i giorni anche il signor Antonio Paladini, che io conoscevo bene perché era cliente di mio papà, il barbiere del paese. Pantaloni scuri, camicia bianca con le bretelle a tener su i pantaloni, alto e robusto, dietro i suoi occhiali scuri c’era sempre una battuta e un sorriso per tutti. Beveva una Tassoni, prendeva una pastiglia di Saridon e poi prendeva in giro al Moru, ma non giocava quasi mai contro. Cominciavano i mondiali in Germania e tutti ne parlavano. Un giorno il signor Antonio attacca e dice: “ Dai andiamo in Germania a vedere una partita ! ” E Bigìn il ciabattino: “ Fino in Germania?” Prendi di quà e mettila di là, la voce gira, qualcuno la butta sul ridere e prende in giro: “Ma dove vuoi andare?”. Invece, detto e fatto! Angelo invita anche me, ci mettiamo d’accordo che viaggeremo di notte, alle dieci di sera della vigilia saltiamo sulla 124 Special blu e...via! Il signor Antonio al volante, Angelo suo figlio davanti con lui, io e Bigìn dietro. Verso il Brennero ci copriamo le gambe con le coperte perché faceva freddo e cominciamo ad appisolarci. La 124 Special andava che era una meraviglia! All’improvviso sento la macchina che sbanda un momento. Angelo teneva d’occhio la strada e visto che a suo papà gli si chiudevano gli occhi, la fa fermare e prende la guida. Viene l’alba e siamo in autostrada in Germania. Macchine grosse dappertutto che sorpassano di qui e di là la 124 Special: eravamo certi di viaggiare su un’ auto come si deve e invece in Germania sembrava un’utilitaria! Arrivati allo stadio, presi i biglietti due panini e le patatine, ci mettiamo sulle gradinate. Avevamo vicino due o tre donne argentine, una alta e bionda, mezza scoperta, che continuava a saltare con in mano la bandiera e a gridare: “ Ar-gen-tina”! Noi la guardavamo e il signor Antonio, con fare da vero gentiluomo, ha provato ad attaccar bottone…come per farle capire che tanto avremmo vinto noi. Di tutta la partita mi erano restati in mente due nomi: Perfumo e Benetti, sicuro che fossero i marcatori. Ieri sera alla tv aspettavo il gol di Perfumo e quando ho visto che aveva segnato un altro, sono rimasto sorpreso. Dopo, mezzo addormentato, ho visto i nostri abbracciare Benetti in mezzo al campo: Italia – Argentina 1-1. E ho capito che Perfumo, l’unico nome che non avevo mai dimenticato, un goal lo aveva sì segnato, ma nella sua porta!
Pierluigi Cappelletti


© RIPRODUZIONE RISERVATA