«Quànt laurà le nòste nòne  e màme! Àltor che mimòŝe»

«Quànt laurà le nòste nòne

e màme! Àltor che mimòŝe»

Il ricordo del duro lavoro delle donne nella pianura padana

e son mìsa a scrìu chl’artìcul chi nel bel méŝ d’la quaranténa per el Coròna vìrus. Son de Caŝàl, quìndi n’la ŝòna rùssa, quìndi gh’ém da sta in cà, quìndi püdém no ‘ndà föra dal paìŝ, quìndi i furèsti i pödun no végn da nüm; quìndi ‘ndà a pruéd l’è ‘na ròba cumplicàda, quìndi gh’è tant rob nurmài che s’pöd no fà, quindi…...

Èvi pensàd da cüntàla sü tàme me sénti (descùnsa); ‘sa prövi (me par da vìu in ùna bùla de savòn che pöd s-ciupà da un mumént a l’àltor); che ròba pénsi (boh!)…. Pö ò dì: “ Eh, no! Cambiém argumént, se no ne végn a tüti la pecündria”.

Alùra parlém de Mars e d’la primavèra che l’è adrè a ‘rivà. Incö gh’è un bèl sul e ‘nariéta che üta a sügà i pàgni d’la bügàda. Ò decìŝ da lavà i linsöi ( insì spasém vìa ànca el vìrus): i a méti in lavatrìce, ‘na balìna de detersìvo, un po’ de morbidénte e tra un’uréta i pàgni i èn néti e prufümàdi. Che cumudità al dì d’incö! Ve ricurdì che fadìga l’èra fà bügàda quàlche an fa? Ricurdémol inséma:

// Che laurà la bügàda / d’la s’temàna! / Brùs-cia i pàgni nel segiòn / pùmpa l’àqua da la trùmba / nel fugòn. / Fà bùi sü e pö bùi ŝu / cun la sénor / da pasà nel cularöl. / I linsöi i èn resentàdi /e al sùl sü la còrda / i èn ŝlargàdi. / Ch’ ersüst! / I èn bèi da véd, / i èn pròpi desmurbàdi! / Cul vént i se dundùlun / i vùlun tàme üŝéi / i san de nét e d’primavéra / ma la bàla d’un malnàt / la s-céntra ‘na furséla / e i pàgni i èn tüti in tèra. / ….... “Parlami d’amore, Mariù” / cànta Ghetàn a Maria / cùcia sul segiòn, / bèla, cul pedàgn a fiùri / e la fàcia strafüménta. / Mi, picinìna, rìdi / e fò bügàda in un cadìn, / ai camiŝìn d’la bambulìna. / El sul el brìla / tàme i òci d’me màma. //

Ricòrdi, cumusiòn, emusiòn. Tirém inàns.

Pénsi che tucàres dà el Premio Nobel a quèl ch’l’à inventàd la lavatrìce. Quànta fadìga risparmiàda per lavà i pàgni! Adès ànca i òmi i fan ‘ndà la lavatrìce (i vist el reclàm de Totti, el calciadùr, ch’el fà gol n’l’oblò d’la lavatrìce cun la balìna del detersìvo?), prìma p’rò la bügàda la fèvun apéna le dòne. Quànt laurà le nòste nòne e le nòste màme! Àltor che fèsta e mimòŝe al vot de mars.

L’è bèl che ghe sìa ‘na giurnàda mundiàl dedicàda a le dòne, p’rò gh’è amò tànti prublémi per lur: mancànsa de rispèt, pòca cunsiderasiòn sül laurà, viulénsa fin a ‘rivà a l’urùr di feminicìdi. Inteligénsa, inventìva, vuluntà i màncun no de cèrt a le dòne. Ni pòsti püssè puréti i èn le dòne che tìra la bàrca d’la famìlia e d’l’ecunumìa; per eŝémpi gh’è dòne ch’i drövun i sòldi del “microcredito” per tra in pé di laburatòri ch’i dan laurà ni so paìŝi. Augüri a tüte le dòne del mund!

Adès, per tirà el buf, ve cünti ‘na stòria d’amùr. Intànt che fèvi dü pàssi sül Brembiöl ò vist un anadòt, fusch ‘me un scurbàt, ch’èl girèva n’l’àqua in da per lü, el parìva scunsulàd. Tüt d’un bot spùnta ‘na càrpa e sì ‘sa la fà? La fà un saltìn e la bàŝa cun la so buchìna ròŝa l’anadòt sül bèch. L’anadòt l’à ridüd cuntént.

L’è ‘na stòria vìra, gh’ò le pròve perchè Franco Albertini l’à futugrafàda.

TRADUZIONE

Mi sono messa a scrivere questo articolo nel bel mezzo della quarantena per il Corona virus. Sono di Casalpusterlengo, quindi nella zona rossa, quindi dobbiamo stare in casa, quindi non possiamo andar fuori dal paese, quindi i forestieri non possono venire da noi, quindi andare a fare la spesa è una cosa complicata, quindi ci sono tante cose normali che non si possono fare, quindi… Avevo pensato di raccontare come mi sento (strana); cosa provo (mi pare di vivere in una bolla di sapone che può scoppiare da un momento all’altro); che cosa penso (boh!)… Poi ho detto: “ Eh, no! Cambiamo argomento, altrimenti viene a tutti la depressione”.

Allora parliamo di Marzo e della primavera che sta arrivando. Oggi c’è un bel sole e un’arietta che aiuta ad asciugare i panni del bucato. Ho deciso di lavare le lenzuola (così spazziamo via anche il virus): le metto in lavatrice, una pallina di detersivo, un po’ di ammorbidente e tra un’oretta i panni sono puliti e profumati. Che comodità al giorno d’oggi! Vi ricordate che fatica era fare il bucato qualche anno fa? Ricordiamolo insieme:

// Che lavoro il bucato / della settimana! / Spazzola i panni nel mastello / pompa l’acqua dalla tromba / nella caldaia. / Fai bollire su e poi giù / con la cenere / da passare nel setaccio. / Le lenzuola sono risciacquate / ed al sole sulla corda / sono stese. / Che meraviglia! / Sono belle da vedere, / sono proprio pulite! / Col vento dondolano / volano come uccelli / profumano di pulito e di primavera, / ma la palla di un monello / colpisce una forcella / e i panni sono tutti per terra. / ....

“Parlami d’amore Mariù” / canta Gaetano a Maria / china sul mastello, / bella, con la gonna a fiori / e la faccia arrossata. / Io, piccolina, rido / e faccio il bucato in un catino / ai camicini della bambolina. / Il sole brilla / come gli occhi di mia mamma. //

Ricordi, commozione, emozione. Tiriamo avanti.

Penso che bisognerebbe dare il premio Nobel a chi ha inventato la lavatrice. Quanta fatica risparmiata per lavare i panni! Adesso anche gli uomini fanno andare la lavatrice (avete visto lo spot di Totti, il calciatore, che fa gol nell’oblò della lavatrice con la pallina di detersivo?), prima però il bucato lo facevano appena le donne. Quanto lavoro le nostre nonne e le nostre mamme! Altro che festa e mimose l’otto di marzo.

È bello che ci sia una giornata mondiale dedicata alle donne, però ci sono ancora tanti problemi per loro: mancanza di rispetto, poca considerazione sul lavoro, violenza fino ad arrivare all’orrore dei femminicidi. Intelligenza, inventiva, volontà non mancano di certo alle donne. Nei posti più poveri sono le donne che tirano la barca della famiglia e dell’economia; ad esempio ci sono donne che utilizzano i soldi del “microcredito” per creare laboratori che danno lavoro nei loro paesi. Auguri a tutte le donne del mondo!

Adesso, per tirare il fiato, vi racconto una storia d’amore. Intanto che facevo due passi sul Brembiolo ho visto un anatroccolo nero come un corvo che girava nell’acqua da solo e sembrava sconsolato. Tutto ad un tratto spunta una carpa e sapete cosa fa? Fa un saltino e bacia sul becco l’anatroccolo con la sua bocchina rosa. L’anatroccolo ha sorriso contento.

È una storia vera, ho le prove perché Franco Albertini l’ha fotografata.
Maddalena Negri

(Foto Silvano Bescapè)


© RIPRODUZIONE RISERVATA