Peste, colera, spagnola e coronavirus in d’la mè Bàsa

Peste, colera, spagnola

e coronavirus in d’la mè Bàsa

Il mistero della sigla “Ch.m.”, Cholera morbus, per le sepolture senza esequie

In dà chi muménti chì d’pagùra dal Corona virus, in tànti ndém indré cun la storia e pensém a le epidemie dal séscént fìn ai primi dal noucént e cume sé riusìd a guarì.

La peste dal Manzoni che tùti ém legiùd in di Promessi Sposi, l’è stài una malatìa che l’è rivàd in Altitalia in dàl milasescéntrenta e Milàn l’è stài quèla che ha pagàd pùsè da tùti.

Un quàl sécul dòpu è rivàd al colera, che l’è stài tacàd da emigràdi italiàn che ièru scapàdi dà là Francia pàr mìga malàs e invece iàn cuntagiàd anca l’Italia.

A Séna ghèra un laŝarét pròpi in cùrt d’là Ciéŝa d’Santa Maria indùe i purtèvu i malàdi e pròpi una persùna che là sé dài da fa l’è stài al Senatùr cl’èva stùdiàd da dutùr a Pavia e cun curàg al s’è mìs a cùrà i malàdi dal paìs.

I cartaménti i vegnèvu strinàdi sùl fùm e bagnàdi cun l’aŝéd.

L’epidemìa l’è stài catìva anca parchè in dì paìŝi tàme al mè ghèra nò tròpa pulisìa.

I cà di puvréti ièru pién ad fioi, sénsa cèsi e acqua corénte, in pù, ghèra in cà anca i bésti.

I morti i vegnèvu saplìdi suta l’pavimént d’là ciéŝa o davànti sùl piasàl.

In dal daŝtòt è rivàd anca la Spagnola, èra apéna finìd la guèra e la gént l’era stüfa, pròpi tame al dì d’incö ièvu saràd i scòl e anca i ciéŝ, ièvu mìs in quaranténa la gént e i malàdi purtàdi in dì uspedài.

I diŝèvu da druà al fasulét quànd sa starnùdìva e dà lavàs al màn dà spés.

Al mà cùntèva un paiŝàn d’una casìna ad Séna che la dòna dal so padròn, quàn vegnèva i puvréti a cata sù la carità la fèva pasà un palòt ad légn d’là finestra cun sù i soldi in modo da tégni a distànsa.

E quànd pénsi a chi fàti chi, m’végn a là mént una storia che riguarda anca la mè famiglia. Mè nònu cl.1886 al mà diŝèva sémpar che l’ùnica sudisfasiòn quànd al ghèva da mőr, l’èra quèla da pùdè incuntrà so pà cl’èva mai cunusùd parchè l’èra mort quànd lù al ghèva apéna un méŝ ad vita.

Angelo cl.1848 l’era mòrt in dàl 1886. Curiùŝ cume sòn mì d’là storia, ho pasàd i giurnàd a fa pasà i documenti in Archìvi d’là Ciéŝa dal mè paìŝ fìn che ho truàd i documenti dal mè biŝnònu. Ghèra scrìt che ièvu fài al funeràl sénsa andà in Ciéŝa e in fund ghèra scrìt “Ch.m.”.

Ho pensàd fìn che l’sèra tői la vita o anca, càl credèva nò in dàl Signùr.

Ho pruàd a sént al parvòst ad Casàl, don Enrico cl’èra amò vùn da chi preti vègi che l’sèva al latìn e al mà cunsiliàd da pruà a sént don Giulio Mosca che s’nantendèva da chi ròb chì. Sòn andài a truàl e in un àtim al mà dài la spiegasiòn: Ch.m vurèva dì Cholera Morbus e ièvu fài al fùneràl sénsa andà in Ciéŝa pàr pagùra da tacà la malatìa al paìŝ, e dal vòlt ià purtèvu al murtòri anca d’nòt.

Sòn andài amò in Archìvi e ho pùdùd véd che tanti morti da cal periodo lì ièru segnàdi cun la sigla Ch.m.

Ho pruàd a sént anca una cüŝìna d’mè nònu amò in vita, Angela cl.1909 e scampàda fìn a cént’àni e là mà cùntàd quèl chi ghèvu cùntàd a lé: “diarèa e vòmit a l’ordine del giorno, al sùdèva fréd, la punta di dìdi negri e l’fèva fadìga a bufà, stràsi bèi còldi par dàgh un po’ d calùr al còrp, dàl vòlt i gh’mètèvu anca i préd scaldadi ai pé, masàgi al còrp cun la cànfura”. Stàrmìsi e alarmìsmi ièn servìdi nò alùra e i sevìsù nò in cő. Sapere aude !

TRADUZIONE

In questi giorni di paura, ma forse anche di inutili allarmismi sul Corona virus, molti ripercorrono la storia delle grandi pandemie, dal ’600 fino ai primi del ’900 e su come siano state sconfitte o arginate.

La peste manzoniana, ampiamente descritta da Alessandro Manzoni nel romanzo I promessi sposi e nel saggio storico Storia della colonna infame, fu un’epidemia che ebbe la sua massima diffusione nell’Italia settentrionale nel 1630 e il Ducato di Milano e quindi la sua capitale, fu uno degli Stati più gravemente colpiti.

Nel XIX secolo, dal 1835 al 1893, il cholera morbus dilagò in diverse città europee generando sette pandemie. Sei di queste giunsero anche in Italia flagellando molta popolazione. Il morbo, proveniente dall’Asia dilagò in tutta la Francia e gli emigrati italiani che se ne tornarono in patria nel tentativo di evitare il contagio, portarono invece il morbo nella penisola.

Nel Nord si riorganizza il sistema dei lazzaretti, a Senna fu istituita la Casa del Soccorso, un lazzaretto posto nel chiostro della chiesa di S. Maria dove venivano ricoverati i colpiti dal morbo e uno dei maggiori artefici fu proprio il Senator Angelo Grossi, laureato in Medicina a Pavia, che con sprezzo del pericolo si espose al contagio nella cura dei colerosi.

Le lettere e i documenti venivano affumicati da un fumo contenente zolfo e poi immersi nell’aceto. L’epidemia fu molto violenta a causa della mancata igiene privata e pubblica. Nei piccoli paesi si agglomerava tutto per strada, le case dei poveri erano sovraffollate, prive di latrine e lavatoi e al loro interno venivano allevati anche gli animali.

Vi era inoltre la consuetudine di seppellire i morti nelle chiese o davanti alle stesse che erano abitualmente frequentate dai fedeli.

Infine, la Spagnola del 1918, scoppiata in un momento storico ben preciso e cioè, quando l’umanità era esausta dalla Grande Guerra.

Proprio come oggi, si decise la chiusura delle scuole e dei luoghi di culto proibendo i raduni di massa. Fu imposta la quarantena e i malati vennero trasferiti negli ospedali dove si crearono dei reparti isolati.

Campagne informative avvertivano di usare il fazzoletto quando si starnutiva e di lavarsi le mani regolarmente.

Raccontava un contadino di una cascina di Senna che la moglie del suo padrone, quando i mendicanti bussavano alla porta per chiedere l’elemosina, la stessa depositava qualche soldo su una lunga pala di legno la quale veniva fatta passare attraverso la finestra per evitare il contatto umano.

Imperversò ovunque e dopo aver ucciso nel giro di pochi mesi più persone di qualsiasi altro morbo che la storia umana ricordi, finì assieme alla guerra scomparendo nello stesso modo in cui era apparsa.

Sembra cronaca di questi giorni, invece sono le misure assunte dalle autorità tra il 1918 e il 1920 per arginare la diffusione della “spagnola”, la pandemia capace di uccidere decine di milioni di persone in tutto il mondo assai più di quelle cadute durante la Grande Guerra.

Ed è riallacciandomi a questi tristi fatti storici che voglio raccontare una storia che appartiene alla mia famiglia.

Mio nonno paterno cl.1886 soleva ripetermi che l’unica consolazione per quando sarebbe morto, sarebbe stata quella di incontrare suo padre che non aveva mai conosciuto perchè morto quando lui aveva un mese di vita.

Angelo cl. 1848 è morto nel 1886. Curioso come non mai di notizie storiche, ho passato diverso tempo in archivio parrocchiale consultando i registri dei morti finchè, con stupore, nell’atto del mio bisnonno veniva riportata un’insolita dicitura “ il suo corpo senza le sacre esequie fu portato al cimitero e qui sepolto. Ch.m.”. La cosa più logica a cui ho pensato era che il mio avo fosse un suicida oppure un ateo.

Mi consultai con don Enrico Orsini parroco del mio paese d’adozione il quale era ancora della vecchia generazione di preti che ancora compilavano gli atti in latino senza però poter dare una soluzione alla mia curiosità.

Mi suggerì però di provare a rivolgermi a don Giulio Mosca, un insigne latinista il quale era uno dei pochi che poteva essere in grado di decifrare certe simbologie, abbreviazioni e troncature in latino tipiche di quei periodi.

Lo andai a trovare e in breve tempo mi diede la spiegazione: la chiave di volta stava in quella sigla “ Ch.m.” che significava Cholera Morbus per cui, per evitare il contagio non erano state fatte le normali esequie, alcuni venivano accompagnati al camposanto anche di notte. Tornato in archivio ebbi modo di constatare che in quel periodo molti nomi erano accompagnati da questa sigla finale.

Come in una corsa contro il tempo chiesi notizie ad una cugina di mio nonno ancora in vita, Angela cl.1909 e vissuta cento anni la quale con ancora qualche sprazzo di barlume raccontava quello che a lei avevano tramandato: “diarrea e vomito intensi e frequenti, sudorazione fredda, cianosi alle estremità e respirazione affannosa, gli mettevano panni asciutti e ben caldi per infondere calore alle varie parti del corpo, ma anche mattoni riscaldati ai piedi, frizioni con unguento canforato”. Panico, allarmismi ma anche minimizzazione dei problemi non aiutarono allora e non aiutano oggi. “Sapere aude!”. 
Massimo Bassi

(nella foto: Renzo al lazzaretto riconosce don Rodrigo)


© RIPRODUZIONE RISERVATA