Na farém qualcòs de interessànt

De che ròba parlém incö? De prublémi gh’na sarés tànti, strumbasàdi da ògni cantòn: laurà che gh’è no, licensiaménti, faliménti, rüberìe, mancànsa de unestà e de dignità, famìglie in dificultà, spred che va sü, stipéndi e pensiòn ch’i van šu, ecc. Metémi da part almén per quàlche minüt: qualcòs de bèl e bon ghe sarà pür? Per ‘ndà sϋl sìcur, ndém in méš ai fiöi e scultémi cùme sém adré a fà nüm d’l’asuciasiòn “Donne in Circolo di Casalpusterlengo” che cerchém da ragiunà, capì e das da fà cun divèrse inisiatìve per raserenà la situasiòn, supratüt familiàr. Tra l’àltor ém lanciàd la racòlta de idée süi papà. La ricérca la vör prešentà la situasiòn del “pàdor” n’la famìglia e n’la sucietà del dì d’incö; fà risaltà le diferénse da prìma; quìndi ripurtém ànca relasiòn d’ espèrti in matéria. Ma, prìma de tüt, invitém i persùn a parlà di so papà, di papà di àltri, de cùme i a vurarésun, de cùme i èn, d’l’amur per lur, d’la nustalgìa per i papà che gh’è pü. Se pöd fal in tànti manér: pensiéri, racùnti, puešìe, dišégni, futugrafìe. Naturalmént ém cuntatàd le scòle e divèrsi insegnànti i èn adré a catà sü i pensiéri e dišégni di sculàri. V’na ripòrti quaidün: “A me piacerebbe fare tante cose con il mio papà: ad esempio giocare in cortile, andare tutti i giorni a fare delle passeggiate, e poi lui ha un cuore enorme e io gli voglio super bene!!!” - “Quando ho fatto l’entrata di Natale, mio papà, dalla Francia, è venuto in Italia e mi ha guardata e io ero contentissima. A me non piace quando mio papà va in Francia, però deve lavorare là” – “ A me piace quando mio papà mi porta a calcio o quando ci divertiamo. Non mi piace quando litiga con la mamma.” – “Il mio papà a volte gioca con me ed io sono contentissima, ma quando sgrida mio fratello non mi piace e sono dispiaciuta molto ma molto. Quando giochiamo tutti insieme sono super contenta perché gioca tutta la famiglia”. A propòšit de rob bèle e bùne che gh’è e che i meritarésun da és ütàde, ‘pugiàde e reclamišàde püssè per fà stà méi tüti, vöri parlàu d’la Scòla Primaria “Arcobaleno” – Sezione Didattica Potenziata - de Lod (zona San Fereolo), ‘na realtà che tànti i cunusaràn sens’àltor e che mi ò višitàd per la prìma vòlta quàlche stémana fa, pròpi per la ricérca süi papà. El dirigént el m’à gentilmént invitàda e le maèstre e le educatrìci i àn culaburàd per fam incuntrà cui fiöi. La scòla l’è tüta de cemént griš, cùme strutüra l’è un po’ trop séria, p’rò te s’acòrgi sübot d’l’a pasiòn de chi laùra lì perché l’è quatàda de dišégni, pitùr e culùri ch’la rendun püssè ridénta. Quand te vè indrén pö te respìri un’ària de acugliénsa, de prufesiunalità, d’impégn, d’amùr ch’i te scàldun el cör. L’è ‘na scòla indùe i stüdiun inséma fiöi che frequénta nurmalmént le elementari, cun cumpàgni che gh’à dificultà série, ütàdi da maèstre, che tùca levàgh tant de capél, aténti ai fiöi e a le so famìglie. Ò cunusüd Stefano e Giulia, dü sculàri speciai che vöri saludà cun tant afèt: “La nonna Maddalena vi manda un saluto ed un bacio speciale, come speciali siete voi”. Salüdi cul stés afèt tüti i àltri sculàri, chi èn stài bravìssimi quànd sé sém incuntràdi, e le insegnànti. Ànca nel Ludešàn gh’è ešémpi de rob che funsiùna bén, duarésom parlànu püssè; le istitusiòn i duarésun tratài tàme el “fiore all’occhiello” d’le so atensiòn e tüti nüm cunsiderài cun partecipasiòn. La scòla Arcobaleno l’è adré a stüdià un prugèt per partecipà a la racòlta süi papà, vurì fal ànca viàltri? Mandè i vòstri pensiéri a [email protected] Catém sü tüt, na farém qualcòs de interessànt e invitarém tüti a la prešentasiòn. Gràsie e tànti salüdi.

Maddalena Negri- Casalpusterlengo

NE FAREMO QUALCOSA DI INTERESSANTE Traduzione letterale

Di che cosa parliamo oggi? Di problemi ce ne sarebbero tanti, strombazzati da ogni parte: lavoro che non c’è, licenziamenti, fallimenti, ruberie, mancanza di onestà e di dignità, famiglie in difficoltà, spread che va su, stipendi e pensioni che vanno giù, ecc. Mettiamoli da parte almeno per qualche minuto: qualcosa di bello e di buono ci sarà pure? Per andare sul sicuro andiamo in mezzo ai ragazzi ed ascoltiamoli come stiamo facendo noi dell’Associazione “Donne in Circolo” di Casalpusterlengo che cerchiamo di ragionare, capire e darci da fare con diverse iniziative per rasserenare la situazione, soprattutto famigliare. Tra l’altro abbiamo lanciato la raccolta di idee sui papà. La ricerca vuol presentare la situazione del “padre” nella famiglia e nella società del giorno d’oggi; far risaltare le differenze da prima¸ quindi riportiamo anche relazioni di esperti in materia. Ma, prima di tutto, invitiamo le persone a parlare dei propri papà, dei papà di altri, di come li vorrebbero, di come sono, dell’amore per loro, della nostalgia per i papà che non ci sono più. Si può farlo in tanti modi: pensieri, racconti, poesie, disegni, fotografie. Naturalmente abbiamo contattato le scuole e diversi insegnanti stanno raccogliendo pensieri e disegni di scolari. Ve ne riporto qualcuno: “A me piacerebbe fare tante cose con il mio papà: ad esempio giocare in cortile, andare tutti i giorni a fare delle passeggiate, e poi lui ha un cuore enorme e io gli voglio super bene!!!” - “Quando ho fatto l’entrata di Natale, mio papà, dalla Francia, è venuto in Italia e mi ha guardata e io ero contentissima. A me non piace quando mio papà va in Francia, però deve lavorare là” – “ A me piace quando mio papà mi porta a calcio o quando ci divertiamo. Non mi piace quando litiga con la mamma.” – “Il mio papà a volte gioca con me ed io sono contentissima, ma quando sgrida mio fratello non mi piace e sono dispiaciuta molto ma molto. Quando giochiamo tutti insieme sono super contenta perché gioca tutta la famiglia”. A proposito di cose belle e buone che ci sono e che meriterebbero di essere aiutate, appoggiate, reclamizzate di più per far star meglio tutti, voglio parlarvi della Scuola Primaria “Arcobaleno” – Sezione Didattica Potenziata - di Lodi (zona San Fereolo), una realtà che tanti senz’altro conosceranno e che io ho visitato per la prima volta qualche settimana fa, proprio per la ricerca sui papà. Il dirigente mi ha gentilmente invitata e le maestre e le educatrici hanno collaborato per farmi incontrare coi ragazzi. La scuola è tutta di cemento grigio, come struttura è un po’ troppo seria, però t’accorgi subito della passione di chi lavora lì perché è coperta di disegni, pitture e colori che la rendono più ridente. Quanto entri poi respiri un’aria di accoglienza, di professionalità, d’impegno, d’amore che ti scaldano il cuore. E’ una scuola dove studiano insieme ragazzi che frequentano normalmente le Elementari con compagni che hanno difficoltà serie, aiutati da maestre, a cui va levato tanto di cappello, attenti ai ragazzi ed alle loro famiglie. Ho conosciuto Stefano e Giulia, due scolari speciali che voglio salutare con tanto affetto: “La nonna Maddalena vi manda un saluto ed un bacio speciale, come speciali siete voi”. Saluto con lo stesso affetto tutti gli altri alunni, che sono stati bravissimi quando ci siamo incontrati, e le insegnanti. Anche nel Lodigiano ci sono esempi di cose che funzionano bene, dovremmo parlarne di più; le istituzioni dovrebbero trattarle come il “fiore all’occhiello” delle loro attenzioni e tutti noi considerarle con partecipazione. La Scuola Arcobaleno sta studiando un progetto per partecipare alla raccolta sui papà, volete farlo anche voi? Mandate i vostri pensieri a [email protected] . Raccogliamo tutto, ne faremo qualcosa di interessante e inviteremo tutti alla presentazione.Grazie e tanti saluti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA