«Le tante “furmighine” che  laùren gratis per l’ambient»

«Le tante “furmighine” che

laùren gratis per l’ambient»

«Datevi da fare giovani, nel mondo ci sono ancora troppe cicale»

Quand la stagiòn l’é bèla mé piaŝ andà in gir en biciclèta o a pé per le strade poch traficàde e per quèle de campagna che gh’é inturna al mé paeŝ e che porten fin “föra dal mund”. Mé piaŝ guardà quèl che de bèl la natüra la regala in ogni mumént de l’an: le cultivasion di camp, i culùr de le piante, i fiùr selvadégh, i nìgui e el cél celèst, le muntagne che se véden quand el vént el nèta tüt el griŝ che ’l turmenta i pulmòn, i pensér e la vita.

La nosta pianüra l’é no piata tame i diŝén quèi che la cunùsen no, perché la ga la so belèsa nela diversità da tüt el rest, l’é una roba ünica, una tera grasa e generusa incurniŝada dale ruŝe e da i piop che resisten ale balurdade dell’agricultüra del prugres.

Gira e rigira cun la biciclèta tra i camp, sui senté che pochi i cunùsen, tra una casìna e l’oltra, süle rive di canài grand che dan l’aqua ai fos, godi un mund e invidi no quèi che van in vacansa ale Seiscèl o a Sèntmòris.

Un dì ’ntànt che girévi propi ’nturna al paeŝ ho vist da luntàn dela gent che se mueva avanti e ’ndré, tüti ordinad, paréven tante furmighine a l’opera. Mé son fermad un mument per capì si eren adré a fà, ma séri trop luntan e capivi propi gnént. Sicùme la storia mé pareva un po’ föra del nurmal, ho deciŝ de ’ndà püsé viŝin per vedé ben che roba l’éra ’dré a sücéd. Man man che ’ndevi avanti cumincievi anca a capì un quicòs püsé, ho vist che le furmighine i éren no sü la strada ma i se muevén adrè a una ruŝa e me paréva de ricunùs le persùne. Difàti quand son stài viŝin a lur ho truàd tri amiŝ presapòch de la mé età e sèt o vot giùin del paeŝ che cunusévi ben, fiö de àlter amiŝ.

Sévi anca che chi giùin lì da un bel po’ i séren impegnàd, per el ben de tüti, a ’ndà ’dré ai fos e ale strade a catà sü tüt el vunc e i scart che un quèi maleducàd e incivìl el tra via sensa rispèt per l’ambient e per la gént. Ma chel dì lì, in meŝ ai camp, le furmighine i metéven giù de le piante adré a le rive dele ruŝe e süi cunfin de le campagne, d’acòrdi cül Cumün e cui prupietari. Le piante gh’i han avüde dai agricultur chi ha cultivén per so cünt e dal Parco Ada che gh’n’ha tante a dispusisiòn, gratis, propi per piantà ’ndì post ’ndue se pöd.

Chi giùin lì éven deciŝ de fà del ben a tüti cul mèt giù le piante per fà respirà un po’ mèi la gent del Cumün e per scund de dré a lür l’ültima trüada de la mudernità: un’autostrada apèna fai che pasa propi in meŝ ai camp püsé fertil che esìst in tüta Europa, i nost camp ludeŝan e de la basa milaneŝa.

Mé vègn de pensà ai pulitich setàd giù su le pultrune, ’nden di palàs chi cunùsen no i nost paeŝ e i nost teritori, le belèse di paeŝag e l’ütilità del terén ch’el regala ogni an pan e vita per nüm e per tanti altri che stan in cità. Questi chi i decìden sü la pèl di àlter, che sèm nüm che vìvum chi, de inventàs capanon, autostrade, depositi del gas, metanodoti, oleodoti, centrài a biogas, tüta roba che in pochi an la ’ndarà in malura, perchè ’l temp l’é un bel po’ che l’é cambiad. Incö gh’é le energie nète: el sù, l’aria, el calùr che végn da la tera, ciuè la geotermia, pö gh’é el petroli che ’l finis e i trasporti sü le strade chi duaràn cambià sinfunìa, tüte robe che i cervèi de la pulitica i capisén no, perchè i en trop facil de capì. Lur i en tame le cicale, gh’e ’nterèsa fa un quicòs, sensa savé che roba, da chi a dopuduman, quand gh’e sarà le prosime vutasiòn. ’Ntant, cul vent che l’é giràd, gh’é chi le che la cuminciàd a dagh el tuch a questi chi per digh, ciar e nèt, de möves a cambià müsica che de dani n’han fai già tropi.

Fürtüna invece che num gh’èm amò tante furmighine che laùren gratis per l’ambient, i mèten giù le piante, un laurà antich ma püsé mudern de tüte le “grandi opere” pensade per cundanà a mort el mund prima pusibil. Piantà le piante l’é ütil ìncö, dumàn e dopudumàn e per tanti an amò, per fa viv mèi quèi che végnarà dopu de nüm.

Pödi pü taŝ adès e g’ho de dil per forsa: le furmighine che cunùsi mi i en de Mülasàn, un paeŝ tra Lod e Milan, ma i pudaresen ves, e son sicur chi gh’en anca là, de Ospedalèt e de Livraga, de Sördi e de San Zanòn, de la tera di fög in Campania, de la Puglia ’ndue gh’é i uliveti, de l’Australia e de la furesta amazonica.

Des de fa fiö de tüt el mund, gh’é trope cicale in gir, e gh’é bisògn de tante furmighine.

LA TRADUZIONE

Quando la stagione è bella mi piace andare in giro in bicicletta o a piedi per le strade poco trafficate e per quelle di campagna che ci sono attorno al mio paese e che portano fino “fuori dal mondo”. Mi piace guardare quello che di bello la natura regala in ogni momento dell’anno: le coltivazioni dei campi, i colori delle piante, i fiori selvatici, le nuvole e il cielo azzurro, le montagne che si vedono quando il vento pulisce tutto il grigio che tormenta i polmoni, i pensieri e la vita.

La nostra pianura non è piatta come dicono quelli che non la conoscono, perchè possiede la sua bellezza nella diversità da tutto il resto, è una cosa unica, una terra grassa e generosa incorniciata dalle rogge e dai pioppi che resistono alle balordaggini dell’agricoltura del progresso.

Gira e rigira con la bicicletta tra i campi, sui sentieri che pochi conoscono, tra una cascina e l’altra, sulle rive dei grandi canali che danno l’acqua ai fossi, godo un mondo e non invidio quelli che vanno in vacanza alle Seychelles o a Saint Moritz.

Un giorno mentre giravo proprio intorno al paese ho visto da lontano della gente che si muoveva avanti e indietro, in modo ordinato, sembravano tante formichine all’opera. Mi sono fermato un momento per capire cosa stavano facendo, ma ero troppo lontano e non capivo proprio nulla. Siccome la storia mi sembrava un po’ fuori dal normale ho deciso di andare più vicino per veder bene cosa stava succedendo. Man mano che andavo avanti incominciavo anche a capire qualcosa di più, ho visto che le formichine non erano sulla strada ma si muovevano lungo una roggia e mi pareva di riconoscere le persone. Difatti quando sono stato vicino a loro ho trovato tre amici pressapoco della mia età e sette o otto giovani del paese che conoscevo bene, figli di altri amici.

Sapevo anche che quei giovani da un bel po’ si erano impegnati, per il bene di tutti, a seguire fossi e strade per raccogliere tutto lo sporco e gli scarti che qualche maleducato e incivile butta via senza rispetto per l’ambiente e per la gente. Ma quel giorno, in mezzo ai campi, le formichine mettevano a dimora delle piante lungo le rive delle rogge e sui confini delle campagne, d’accordo con il Comune e con i proprietari. Le piante le hanno avute dagli stessi proprietari che le coltivano per proprio conto e dal Parco Adda che ne ha molte a disposizione, gratis, proprio per piantare nei posti adatti.

Quei giovani avevano deciso di far del bene a tutti col piantare gli alberi per far respirare un po’ meglio la gente del Comune e per nascondere dietro a loro l’ultima trovata della modernità: un’autostrada appena costruita che passa proprio in mezzo ai campi più fertili che esistono in tutta Europa, i nostri campi lodigiani e della bassa milanese. Mi viene da pensare ai politici seduti sulle poltrone dentro i palazzi, che non conoscono i nostri paesi e i nostri territori, le bellezze dei paesaggi e l’utilità del terreno che regala ogni anno pane e vita per noi e per tanti altri che stanno in città. Questi decidono sulla pelle degli altri, che siamo noi che viviamo qui, di inventarsi capannoni, autostrade, depositi del gas, metanodotti, oleodotti, centrali a biogas, tutta roba che in pochi anni andrà in malora, perchè il tempo è un bel po’ che è cambiato.

Oggi ci sono le energie pulite: il sole, l’aria, il calore che viene dalla terra, cioè la geotermia, poi c’è il petrolio che sta finendo e i trasporti sulle strade che dovranno cambiare sinfonia, tutte cose che i cervelli della politica non capiscono, perchè sono troppo facili da capire. Loro sono come le cicale, gli interessa fare qualcosa, senza sapere cosa, da qui a dopodomani, quando ci saranno le prossime votazioni. Intanto, col vento che è girato, c’è chi ha cominciato a richiamare questi per dire, chiaro e pulito, di muoversi a cambiare musica che di danni ne hanno già fatti troppi.

Fortuna invece che noi abbiamo ancora tante formichine che lavorano gratis per l’ambiente, piantano alberi, un lavoro antico ma più moderno di tutte le “grandi opere” pensate per condannare a morte il mondo prima possibile. Piantare alberi è utile oggi, domani e dopodomani e per tanti anni ancora, per far vivere meglio quelli che verranno dopo di noi.

Non posso più tacere ora e devo dirlo per forza: le formichine che conosco io sono di Mulazzano, un paese tra Lodi e Milano, ma potrebbero essere, e sono sicuro che ci sono anche là, di Ospedaletto e di Livraga, di Sordio e di San Zenone, della terra dei fuochi in Campania, della Puglia dove ci sono gli uliveti, dell’Australia e della foresta amazzonica.

Datevi da fare ragazzi di tutto il mondo, ci sono troppe cicale in giro, e c’è bisogno di tante formichine. 
Ambrogio Bianchi


© RIPRODUZIONE RISERVATA