La scumàgna de Mülasàn? Mamalüch! E ghe tuca tegnìla

La scumàgna de Mülasàn? Mamalüch! E ghe tuca tegnìla

La gente di tutti i paesi ha il suo soprannome, fantasia varia e spesso azzeccata

Mamalüch.

La gént de tüti i paeŝ g’ha la sö scumàgna, una fantasia populàr gnànca da créd talmént l’é vària e ‘ndüinada: a Zel gh’é i Pèscalüna, a Cervignàn i Saltafòs, a Quartiàn i Paciacucù, a Casìn i Pésagabèt. E a Mülasàn? A Mülasàn gh’é i Mamalüch!

Se guardi sü la me Enciclopedia Universale De Agostini trövi dü definisiòn, la prima la diŝ che Mamelucco el riva da l’arabo mamlük che vör dì schiavo comperato. Pö gh’é scrit amò che iérun: Soldati a cavallo facenti parte d’una milizia dell’Egitto maomettano. Dinastia iniziata intorno al 1250 come sultani maomettani. Autonoma fino al 1517 quando entrarono a far parte del esercito egiziano di Selim I. Sconfitti da Napoleone alle piramidi nel 1798. Sterminati nel 1811 dal sultano Muhamad Alì. Pace a le sö anime, ma che brüta roba!

La secunda definisiòn la diŝ che mammalucco l’é una persona stupida, goffa, incantata, un allocco.

Mah! Anca questa la mé piaŝ no trop.

Me cunsùla un po’ el pensér che la cantante Milva, ‘n del mila-novcént-sesantatrì, l’ha cantàd una cansòn che la se ciaméva Mamalück e l’ha fai sucès, anca se el mamalück de la cansòn l’éra no propi vün che gh’é ‘ndéva ben la vita, ma se sà che anca quèla l’era una storia ‘nventàda.

Comunque mi a Mülasàn cugnùsi brava gént, generùŝa, impegnàda in tante robe in cà e föra, per la famiglia e per tüti quèi che g’han bisògn. G’hé quèi che stüdia e laùra per fa ‘ndà avanti la baràca, sé làmenten mai e ‘i én sémper cuntént. La gént del mé paeŝ la mé par propi no stüpida, pigutùna e tüt el rést. Però la scumàgna l’é quèsta e ghe tuca tegnìla, mi e tüti i altér.

Ma vöri imaginà cume l’é rivàd el “marchio di fabbrica” di Mamalüch de Mülasàn.

De dré de la céŝa gh’era una bèla vila del sètcént che l’é sémper stai la cà di padron o di fitàul de la casìna e dei terén che gh’é intùrna. Adès la vila l’ha cambiàd facia, l’é stai rimudernada e ghe stài fai di apartament muderni, insì se pers per sémper le sö belèse: el salòn d’unùr, i altér salòn cun i camìn de sas, i sufìt a casetòn; insùma un ambiént signurìl di tempi ‘ndré. Ma minga tanti an fà la cà l’éra in funsión e atìva, bèla in ùrdin, cun el sö giardinòn sémper a post, cun i vialèt per paségià in meŝ ale aiöle di fiùr e trè gnìse cun el tèc a volta tacàde ala müra de cinta in fund, lì g’héra de le figüre pütürade sui mür e le panchète de sas per ripuŝas, cüntas-la sü, lég, o ‘ndue le done i cüŝìven e i ricaméven.

Davanti ala faciàda de la vila g’hé el sö cancèl de fèr, tüt ‘ntrésàd, un’opera d’arte tròp bèla e dü pilàster con sura dü leòn chi tègnen tra i samp el stèma de la famiglia D’Adda, che l’è quèla che la fai da padrùna per tanti an e la fai bèla anca la cà.

I gh’én pü da tant témp invece una fila de stàtue de seriŝ, de sas, volt quasi ’me una persùna vera, pugiàde sü i so baŝàment. I féven da cuntùrnu al curtìl de la cà per tegnìl destacàd da l’èra e da la curt granda de la casìna e i déven impurtansa a tüt l’ambiént. Dedré de la vila, vèrs el giardinòn altre stàtue in meŝ ai fiùr o ‘ndì cantòn adré ai mur. Le stàtue iérun no granchè de fatüra, un po’ giù a la buna e gnànca tant bèle, ma i féven la sö figüra, ‘i érun figüre alegoriche tame l’abundànsa, la belèsa, le arti, la càcia, le stagión.

Vüna ala volta, o perchè la burléva giù per sö cünt, perchè l’era brüta, o perchè la déva fastìdi a pasà cui i tratùr, le stàtue ‘i én sparìde. Ghe restàd pü gnént.

Ma i lauradù de la casìna e la gént del paeŝ, da cént e pasa an, i han sémper ciamàd, le stàtue i Mamalüch, se sa no de precìŝ perchè, ma mi pensi che l’era forse per la poca belèsa ch’ i gh’évun e perchè la parola Mamalüch la sunéva tant bén…

Insì a la fin, forsi per deŝmentegà no le stàtue che ghe stài, la scumàgna Mamalüch l’é restàda adòs a la gént de Mülasàn. Adès i Mamalüch i girén per i strad del paeŝ, un queidün el sa gnànca de vés anca lü un Mamalüch: i én quèi növ ‘pèna rivàd, chi cugnusén no la storia, ma prima o dopu bisugnarà cüntag-la anca a lur.

LA TRADUZIONE

I Mammalucchi.

La gente di tutti i paesi ha il suo soprannome, una fantasia popolare neanche da credere talmente è varia e azzeccata: a Zelo ci sono i Pesca luna, a Cervignano i Salta fossi, a Quartiano i Mangia cucù, a Cassino i Pesa alberi di gelso. E a Mulazzano? A Mulazzano ci sono i Mammalucchi!

Se guardo sulla mia Enciclopedia Universale De Agostini trovo due definizioni, la prima dice che Mamelucco deriva dall’arabo mamlük che significa schiavo comperato. Poi c’è ancora scritto che erano: Soldati a cavallo facenti parte d’una milizia dell’Egitto maomettano. Dinastia iniziata intorno al 1250 come sultani maomettani. Autonoma fino al 1517 quando entrarono a far parte del esercito egiziano di Selim I°. Sconfitti da Napoleone alle piramidi nel 1798. Sterminati nel 1811 dal sultano Muhamad Alì. Pace alle loro anime, ma che brutta cosa!

La seconda definizione dice che mammalucco è una persona stupida, goffa, incantata, un allocco.

Mah! Anche questa non mi piace per niente.

Mi consola un po’ il pensiero che la cantante Milva, nel mille-novecento-sessantatre, ha cantato una canzone intitolata Mamaluck ed ha avuto successo, anche se il mamaluck della canzone non era fortunato nella vita, ma si sa che anche quella era una storia inventata.

Comunque io a Mulazzano conosco brava gente, generosa, impegnata in tante cose in casa e fuori, per la famiglia e per tutti quelli che hanno bisogno. C’è chi studia e lavora per far andare avanti la baracca, non si lamentano mai e sono sempre contenti. La gente del mio paese non mi sembra proprio stupida, goffa e tutto il resto. Pero il soprannome è questo e ci tocca tenerlo, io e tutti gli altri.

Ma voglio immaginare come è arrivato il “marchio di fabbrica” dei Mammalucchi di Mulazzano.

Sul retro della chiesa c’era una bella villa del settecento che è sempre stata la casa dei padroni o dei fittabili della cascina e dei terreni che ci sono attorno. Adesso la villa ha cambiato faccia, è stata rimodernata e sono stati fatti degli appartamenti moderni, così si sono perse per sempre le sue bellezze: il salone d’onore, gli altri saloni con i camini in pietra, i soffitti a cassettoni; insomma un ambiente signorile dei tempi addietro. Ma non molti anni fa la casa era funzionante e attiva, ben in ordine, con il suo grande giardino sempre a posto, con i vialetti per passeggiare in mezzo alle aiuole dei fiori e tre nicchie con i tetti a volta, attaccate al muro di cinta in fondo, lì c’erano immagini dipinte sui muri e le panchine in sasso per riposarsi, raccontarsela, leggere o dove le donne cucivano e ricamavano.

Davanti alla facciata della villa c’è il suo cancello di ferro, tutto intrecciato, un’opera d’arte troppo bella e due pilastri sormontati da due leoni che tengono tra le zampe lo stemma della famiglia D’Adda, che è quella che ha fatto da padrona per tanti anni e ha fatto bella anche la casa.

Non ci sono più da tanto tempo una fila di statue di serizzo, di sasso, alte quasi come una persona vera, sopra i propri basamenti. Facevano da contorno al cortile della casa per separarlo dall’aia e dalla corte grande della cascina e davano importanza a tutto l’ambiente. Dietro la villa, verso il grande giardino altre statue in mezzo ai fiori o negli angoli lungo i muri. Le statue non erano finite bene, un po’ grossolane e nemmeno belle, ma facevano la loro figura. Erano figure allegoriche quali l’abbondanza, la bellezza, le arti, la caccia, le stagioni.

Una alla volta, o perché cadeva da sola, perché era brutta, o perché rendeva difficile il passaggio dei trattori, le statue sono sparite. Non è rimasto più niente.

Ma i lavoratori della cascina e la gente del paese, da cento e passa anni, hanno sempre chiamato le statue i Mammalucchi, non si sa con precisione perché, ma io penso che era forse dovuto alla poca bellezza che avevano e perché la parola mammalucco suonava tanto bene…

Così alla fine, forse per non dimenticare le statue che ci sono state, il soprannome mammalucco è rimasto addosso alla gente di Mulazzano. Adesso i Mammalucchi girano per le strade del paese, e qualcuno non sa neanche di essere lui stesso un mammalucco: sono quelli nuovi appena arrivati che non conoscono la storia, ma prima o poi bisognerà raccontarla anche a loro.
Ambrogio Bianchi


© RIPRODUZIONE RISERVATA