Gh’è s’ciupad la primavera: colori, profumi e... preghiere

Gh’è s’ciupad la primavera: colori, profumi e... preghiere

Le emozioni di Dinin per la natura che esplode e incanta per la sua bellezza

“Finalment gh’è s’ciupad la stüpidera a stà mata primavera”. Sichè, ‘na duminica matina de primavera ‘l giardin la ‘ncanta. Dinin l’à duüd levàs sü bel prest, a l’alba, föra dal scurbin. Ma ‘pena la riva vultra ‘l portegh la desmentega quel ch’la gh’à da fà per scultà, ’ncantada, le piante che parla. I parlu tüti fra de lur, sutavuš, ‘n d’la penumbra. Buchin da rid, dumande, risposte, schersi, sghii. Oh, le la sa ben che chèl gašaghè lì l’è d’i üšei che cipa ‘n d’la ‘legria del prim risvej. Ma l’ilüsion l’è stai ‘nsì fresca e lüghida ch’la ghe rinüncia no: la preferis pensà che piante ‘ üsei ‘ furmu ‘n’ünica creatüra d’amur ch’la vegna ‘ cunversà cun le; e, guardenda ‘n sü per mej brasà le cunfidense d’le smagie verde tremebunde, la ricév per la prima volta la magia s’ciasega del ciel: èl rosa del persegh e’l bianch d’la sireša. Nel menter, Teršin, ch’l’è a cà de scola, la se derseda cun la solita vöja: ‘na culasion cu’n gut de lat e’l solit mursel de pan per tegn insema le sgangerle ch’i se preparu a la vulada ch’i a porta ‘l Bas in pepertera ‘ caminà sü l’erba quan freschi ‘ en i gambi ‘n d’la guasa, e’l pé ‘l funda ‘n d’le lote ‘ šamò è fiurid le margherite, fiuri ‘nucenti! Brüme fümuse i fan bianchi ‘ ciei e püsè luntana, e trat per trat, se spegia sprasi de celèst, cume ugiade. I tavernej ‘ gh’àn brividi d’argent. In ogni frunša i piupi ‘tremun a’n buf de vent che’l se cumpagna ‘l marmutà del fiüm.

L’è ‘na mana caminà sü l’erba, ‘n d’la matina vergina: cume l’erba vès mujada de rušada, sentì ‘n del corp el sangu fas guasa, e’l cör cumòs, fas gamb. E nel giardin mai pü finid due tüt surid fasad ne l’alegria d’la stagion prupisia, cumpàr i primi segni de quela ch’la sarà la puesia d’una fiuridüra de perseghi rosa che barbela e de sirese bianche che dré man i quarciu de virtü le lote bagnade de vita. Nel menter en del busch, dré la gabada e sü le rive d’la Cudogna l’è tüt un via vai de vita che cipa dai nin, salta ‘n del fos; insèti tüti a bot ‘ vulun da ‘n fiur a l’alter:

-Fèves da part che ghem temp no, tra ‘n pò ‘ndarà giù l sul, gh’ìu propi gnent da fà, sìu diventadi smorbi?

L’aqua la cur lüghida, la canta ‘na cansòn, la cüla le sò piante insema ‘n qual pesin, magari ‘n qual girin. E fasada d’armunia, la mè Cirlin dal pes la leva i ögi al ciel ne la preghiera püsè bela d’un curin paišan:

-O Signur che te m’è mis al mund, che tüt te pödi e te cumandi, fam semper degna d’un spetacul cumpàgn de quel che gh’ò davanti. Fà guarì la mama, fà stà ben la nona, Pierino e’l papà, la mè secunda mama, la maestra Franca, che mi son bèle siura in mes a tanta Pruidensa. Me manca gnent nel Bas d’i tanti ‘nsegnamenti, due tüt gh’à ‘na rešon da rispetà per andà ‘vanti tüti ‘nsema bèj cuntenti. Nel Bas l’anima la se slarga e’l cör el salta cumpagn d’un cavriöl sü ‘n pascul de muntagna. Tüt nel rispèt de quel che gh’em vüd en cuncesion da la furtüna ch’la m’à lasad un ben amò da god da sul a lüna… E nel bèl mes d’un’armunia che se cateva tame ‘n fiur de camp da met al Madunin o purtà ‘ cà ‘ la mama, paseva la giurnada fasada de puesia che se spartiva cu’i soliti cumpagni d’aventüra, e men che men, cu’l prim viandant de suravia che’l prufiteva vulentera d’un piat de buna cera ufèrt da gent bèla tame la mia. Truàs in mes a’n busch, a la matina prest o quan ven fusch, vör dì sentìs in armunia cun la leg che met in moto ‘l mund; se pöӧ gh’è chi te ciapa per man e te porta ‘n del sogn, tüt se culura, el gh’à la tò parlada, e te diventi an ti ‘n pueta.

E quan par tüt finid se ricumincia: el punt de Ada el s’ciopa de pesin, inturn la vita la te ‘ncanta cun, magari, le ale d’un piapes che quarcia ‘l ciel, ‘na frasca ch’la sculpìs un urtešel, ‘na barca che porta ‘n sen un cavagera o, luntan nel temp, la fiöla d’una filangera ch’la pasarà la vita ‘ cantà le pieghe püsè bele d’la Gent de Nüm, d’una nona in cò d’i sò beni, d’un’amicisia cun la mama cumpagna ‘ quela d’la mè Teršin cun pà Giuanin. Inamurade de tüs cos ma nel stes temp, cu’ la virtü maestra: quela de vurègh ben a tanti de Nüm ch’i en restadi toni, smaridi ‘n d’i bisogni o ‘n cerca d’una rešon de vita che cur p’r i rivon o salta föra dal camin d’un fabricon; o, men che men, da ‘na pèna bianca cumpagnada da dü bö ch’i aru ‘n camp smort ‘me ‘na pata lavada e i ghe spantegu ‘na sumensa negra… 
Teršin e Giuanin d’la Gent de Nüm

LA TRADUZIONE

“Finalmente è scoppiata la stupidera a questa matta primavera”. Nondimeno, una domenica mattina di primavera il giardino la incanta. Dinin s’era levata prestissimo, all’alba, per eccezione. Ma, appena sbucata dal portico, dimentica quello che aveva da fare per ascoltare, rapita, le piante che parlano. Parlano tutte fra loro, sottovoce, nella penombra. Buffetti, domande, risposte, scherzi, motteggi. Oh, lei è certa che quel cicaleccio è degli uccelli cinguettanti nella gioia del primo risveglio. Ma l’illusione è stata così fresca e repentina che non vi rinuncia. Preferisce pensare che piante e uccelli formino una sola creatura d’amore che venga a conversare con lei; e, guardando in alto per meglio abbracciare le confidenze delle macchie verdi e tremolanti, riceve per la prima volta la magia sfacciata del cielo: il rosa del pesco e il bianco del ciliegio. Ne frattempo Teršin, a casa da scuola, si desta con la solita voglia: una colazione con un poco di latte e il solito morsello di pane per tenere unite le sgangerle che si preparano alla volata che le porta al ‘Bas’ a camminare sull’erba a piedi nudi, coi gambi freschi nella guazza, il piede che affonda nelle zolle e le margherite, fiori innocenti, appena fiorite! Brume fumose rendono bianchi i cieli e più lontano, di tanto in tanto, si specchiano sprazzi di celeste, come occhiate. Le betulle hanno brividi d’argento. In ogni fronda i pioppi tremano al primo soffio di vento che si accompagna al mormorio del fiume. È una manna camminare sull’erba, nella mattina vergine, come l’erba essere macerata di rugiada, sentir nel corpo il sangue farsi guazza e il cuore commosso farsi gambo. E nel giardino infinito, dove tutto sorride avvolto nell’allegria della stagione propizia, compaiono i primi segni di quella che sarà la poesia della fioritura di peschi rosa tremolanti e di ciliegi bianchi che progressivamente ammantano di virtù le zolle intrise di vita. Nel frattempo nel bosco, lungo un filare e sulle rive della Codogna è un via vai di vita che pigola dai nidi, salta nel fosso; insetti in gran spolvero volano da un fiore all’altro:

-Scansatevi che siam di fretta, tra un po’ calerà il sole, siete così pigri, magari schizzinosi?

L’acqua scorre svelta, canta una canzone, culla le sue piante insieme a qualche pesciolino, magari qualche girino. E pervasa d’armonia, la mia Cirlin dal pes alza gli occhi al cielo nella preghiera più bella d’un cuoricino contadino:

-O Signore che m’hai messo al mondo, che tutto puoi e comandi, fammi sempre degna d’uno spettacolo uguale a quello che ho davanti. Fai guarire la mamma, star bene la nonna, Pierino e il papà, la mia seconda mamma, la maestra Franca, che io son già ricca in mezzo a tanta Provvidenza. Nulla mi manca al Bas dei tanti insegnamenti, dove tutto ha un equilibrio da rispettare per andare avanti, tutti uniti e sorridenti. Nel Bas l’animo si apre ed il cuore salta come un capriolo in un pascolo di montagna. Tutto nel rispetto di ciò che abbiamo avuto in concessione dalla fortuna che ci ha lasciato un bene ancora da godere da sole a luna… E nel bel mezzo di un’armonia che si coglieva come un fiore di campo da offrire al Madonnino o portare dalla mamma, trascorreva la giornata avvolta di poesia che si spartiva coi soliti compagni d’avventura e, nondimeno, col primo forestiero che profittava volentieri di un po’ di bonomia offerta da Gente bella come la mia. Trovarsi in mezzo a un bosco, la mattina di buon’ora o all’imbrunire, significa sentirsi in armonia con la legge che mette in moto il mondo; se poi c’è chi ti prende per mano e ti porta nel sogno, tutto si colora, possiede il tuo idioma, e anche tu diventi un poeta. E quando tutto sembra finire, si ricomincia: il ponte sull’Adda scoppia di avannotti, intorno la vita t’incanta con, magari, le ali d’un airone che coprono il cielo, una frasca che scolpisce un orticello, una barca con a bordo un cavatore o, lontano nel tempo, la figlia di una filangera che passerà la vita cantando le pieghe più intime della Gent de Nüm, di una nonna arrivata al guado, di un’amicizia con la mamma speculare a quella della mia Teršin cun pà Giuanin. Entrambi innamorate di tutto un po’ ma, nel contempo, con la virtù maestra: quella di benvolere molti di noi che son rimasti al palo, smarriti nei bisogni o in cerca d’una ragione di vita che corre per i ciglioni o sbuca dal camino d’un lanificio; o, magari, da una penna bianca accompagnata da due buoi che arano un campo smorto come un lino e vi spargono una semente nera…
Modesto Tonani, [email protected]


© RIPRODUZIONE RISERVATA