Al maèstar d’Uspedalét,
che a mì al mà piàŝ amò tànt

Al maèstar d’Uspedalét, che a mì al mà piàŝ amò tànt

di Massimo Bassi

L’Uspedalét ad Séna l’èra un quàlcòs tàme un Uspedàl picinìn indùe vegnèva ricueràd tùta c’là pòra gént tàme i pelegrìn d’una vòlta chi pasèvu da lì. Insì ghè scrìt süi cart pién ad pùlvar che ho criuśàd in d’l’Archìvi d’là Céŝa dàl mè paìŝ, quànd, da una frasiòn ad Séna al sa stàca e l’fà pàr sa cùnt. A Uspedalét è nasùd una persùna che in tanti urmai s’là ricordu pü, ma che a mì almà piàŝ amò tànt: al maèstar Gianstefano Cremaschi.

L’èra nasűd in dal milavotcéntcinquantatrì e apéna diventàd maèstar l’è n’dài a fa scòla in un paiŝìn d’là Basitàlia pàr pő turnà n’dré al so paìŝ e insegnà in trì clàs cùn pùsè ad cént fiői. Intànt l’èra diventàd famùŝ parchè l’èva scrìt un po’ d’libréti in dialèt d’là nòstra bàsa tàme “L’marcà d’là cara vü, Un casalìn e un cudugnìn a là sagra d’là Maiòca e La storia d’un purchè” e pròpi d’là storia d’un purchè che vöi parlà, anca se ghò dà dì che ho ciapàd lo spunto da un scrìt dal bràu maestrìn Enrico Zuccotti, anca lü d’Uspedalét. La storia, là cùnta un po’ la vita d’un nimalè fìn tròp unèst e un po’ indré.

Al librét l’èra piàŝùd a tànti e iàn pensàd bén da spedìgh una copia anca al Re Umberto primo, al Re galantòm, mà anca un bòn màs-c tàme i so vèci, prò, dòpu un po’ cl’èva legiùd ghè vegnùd al suspèt e là credùd da cugnùsas in dà chì malnàti che pàr parà vìa i so magàgn dòpu cl’èva fài una bèla vita i guàrdu al Signùr pàr quànd, dòpu chì tìru i sgarléti i s’fàn fa un bèl fùneràl cumpagnàdi da tànti pòri urfanèi e dasmàntegàs che sarés stài püsè giùst avèi mìsi nò al mùnd pàr pő dasbàndunài al so destìn.

Lé stài a sé che l’Re al sé insuspetìd e l’sè rcùnusùd in vűn di nimalè che la fài sùbat mét in parŝòn al pòr maèstar d’Uspedalét che tüt al ghèva in mént ma meno che quèla da ufénd al Re. L’interesamént da Giovanni Garioni maèstar anca lü e la garansìa da Giovanni Agnelli, un stòrich lùdŝàn l’è stài pruidensiàl pàr liberàl. Cremaschi l’èra una persùna unèsta e quèl che l’scrivèva al pensèva che l’servìva pàr fàgh ciapà un po’ d’cusciénsa a la pòra gént ad campàgna e nò pàr fa dal màl.

A là fìn d’là féra, al pòr maèstar l’è sì vegnüd föra d’parŝòn, mà quànd, dòpu un quàl àn quànd al gh’avùd biŝògn dal certificàd ad servìsi in ghàn dì che l’sò insegnamént andèva mìga bén e gl’àn dài nò.

La muràl dà c’là stòria chi l’è che se t’vè al mulìn tà s’ infarìni e a numinà i puténti tà s’infarìni anca a distànsa.

IL MAESTRO DI OSPEDALETTO, A ME PARTICOLARMENTE CARO (traduzione letterale)

L’Ospitaletto di Senna era poco più di un piccolo Ospedale ed era sorto per dare ospitalità e ricovero ai viandanti e pellegrini di quel tempo. Così viene descritto nei documenti storici che ho trovato nell’Archivio Parrocchiale del mio paese, fino al secolo XV quando da semplice appendice di Senna, si stacca diventando autonomo.

Ospedaletto, che diede i natali ad un personaggio poco conosciuto come il maestro Gianstefano Cremaschi, una figura minore ma a me particolarmente caro.

Nato nel 1853, appena diventato maestro elementare, insegnò per un periodo in un paese del Mezzogiorno in provincia di Avellino per poi fare ritorno al suo paese natio dove gli vennero assegnati tre classi con più di cento alunni. Divenne famoso per aver scritto una fortunata serie di libretti in dialetto oramai diventati introvabili che parlavano della nostra bassa.

“L’marcà d’là cara vû, Un casalìn e un Cudugnìn a la sagra d’là Maiòca, La storia d’un purchè ”, questi solo alcuni dei più famosi e proprio di quest’ultimo che vi voglio parlare prendendo spunto da un bellissimo racconto del prof. Enrico Zuccotti anch’egli di Ospedaletto e valente ex insegnante.

La storia narra della vita di un guardiano di porci, del suo essere sempre nella sua semplicità fin troppo onesto.

Il libretto, semiserio, piacque a molti fintanto che pensarono di portarlo a conoscenza al Re pensando che gli avrebbe fatto piacere. Umberto primo, il Re galantuomo ma anche un buon maschio come i suoi avi, ma ad un certo punto del libro credette di riconoscersi in quelle persone che per coprire le proprie magagne dopo aver goduto della vita, si rivolgono al Signore e al tramonto della propria esistenza si fanno fare un bel funerale accompagnati da una moltitudine di poveri orfanelli mentre sarebbe stato più giusto non averli messi al mondo, per poi abbandonarli al loro destino.

Tanto bastò che il Re si fosse riconosciuto in uno dei guardiani di maiali che fece subito arrestare il povero maestro di Ospedaletto che tutto aveva in mente tranne che offendere la Casa Sabauda.

Provvidenziale fu l’aiuto di Giovanni Garioni pure lui maestro e la garanzia di Giovanni Agnelli, noto storico lodigiano che convinsero le autorità per rilasciarlo.

Cremaschi era una persona onesta e quello che scriveva, pensava che servisse per far prendere coscienza alla gente e non per fare del male.

In questo modo, il maestro uscì di prigione, ma quando, anni dopo ebbe bisogno del certificato di lodevole servizio, gli venne risposto che il suo metodo di insegnamento non andava bene e glielo negarono.

La morale di questo racconto è che se vai al mulino t’infarini e a nominare i potenti, t’infarini anche a distanza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA