Uovonero, dieci anni senza barriere

Uovonero, dieci anni senza barriere

Lorenza Pozzi racconta la genesi della casa editrice che ha fondato con Bandirali e Crivelli

Diffondere la cultura della diversità e permettere a tutti di avvicinarsi alla lettura. Da dieci anni è questa la “missione” di Uovonero, la casa editrice con radici lodigiane che si è ritagliata uno spazio importante nel panorama italiano grazie a idee innovative con l’obiettivo di favorire i lettori svantaggiati. «Dieci anni fa, nel mondo dell’editoria, non c’era la stessa percezione di oggi riguardo a temi come autismo, dislessia o difficoltà cognitive. Nel nostro piccolo abbiamo cercato di diffondere una nuova cultura, affinché leggere sia davvero un diritto di tutti», racconta Lorenza Pozzi, l’ “anima” lodigiana di Uovonero e fondatrice del marchio insieme ai cremaschi Sante Bandirali ed Enza Crivelli.

Come è cominciata la vostra storia? «La casa editrice è stata fondata il 2 marzo 2010. Ho incontrato Sante Bandirali a un corso di scrittura a Milano e grazie a lui ho conosciuto Enza Crivelli, pedagogista clinica che da anni si occupa di autismo. Insieme abbiamo deciso di creare questo progetto partendo proprio dall’obiettivo di pubblicare libri accessibili a tutti, senza però rinunciare mai alla qualità del prodotto per quanto riguarda materiale, testi e illustrazioni. Non volevamo fare libri speciali per bambini speciali, ma libri che potessero essere condivisi da tutti. Ci siamo concentrati su libri che utilizzano rinforzi comunicativi come la comunicazione aumentativa e alternativa o la versione in simboli WLS di celebri albi illustrati e abbiamo brevettato il formato “sfogliafacile”. Nel 2020 il nostro catalogo comprenderà 100 titoli».

Perché Uovonero? «Il nome nasce da una fiaba di Luigi Capuana, “L’uovo nero”, che parla della bellezza della diversità e di come la diversità vada valorizzata, non normalizzata. Il 2 aprile pubblicheremo un albo illustrato su questa fiaba, con testi di Sante Bandirali e disegni di Alicia Baladan».


© RIPRODUZIONE RISERVATA