Salvini fa il “botto” a Codogno in memoria delle vittime del virus
Valentino Salvini e i suoi orchestrali

Salvini fa il “botto” a Codogno in memoria delle vittime del virus

Un successo la serata di musica con il baritono di Castelnuovo Valentino Salvini

Successo pieno sabato sera a Codogno per il “Concerto di ringraziamento” con l’omaggio del baritono Valentino Salvini di Castelnuovo Bocca d’Adda e degli orchestrali del gruppo [email protected] a tutti coloro che, in prima linea, hanno garantito sicurezza e cure durante i terribili mesi dell’emergenza coronavirus. Il numeroso pubblico presente (oltre al centinaio di persone sedute, erano molte anche quelle in piedi all’esterno dell’area transennata del mercato coperto di piazza Cairoli) ha applaudito un programma articolato che, tra musica sacra e conosciute arie liriche, è stato arricchito da ben quattro bis, con i musicisti a ricordare con due melodie il grande Ennio Morricone e Salvini a cantare l’Ave Maria di Franz Peter Shubert e replicare la celeberrima “Largo al factotum” del Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini. «Per Codogno una bella ripartenza della cultura – sottolinea Salvini -. Grazie ai colleghi musicisti degli [email protected] che hanno suonato con grande professionalità, grazie al server di Maurizio Tosi per l’alta qualità di luci e suono. Grazie alle autorità comunali, ecclesiastiche e regionali che, con il pubblico, ci hanno tributato grandi applausi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA