MASTERCHEF Per Roberto Resta la pacca di Cannavacciuolo e il «mappazzone» di Barbieri VIDEO

Simpatico siparietto con il concorrente di Retegno che passa al prossimo turno della gara culinaria di Sky

MASTERCHEF Per Roberto Resta la pacca di Cannavacciuolo e il «mappazzone» di Barbieri VIDEO
La pacca rifilata dallo chef Cannavacciuolo a Roberto Resta
(Foto di (credit Sky))

Serata da brivido per Roberto Resta all’interno della cucina di MasterChef. Il concorrente di Retegno accede alla prossima puntata, che andrà in onda come ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno, dopo aver superato il rischioso Pressure Test.

Ma andiamo con ordine. Entrati nella Masterclass, nell’ultima puntata gli aspiranti cuochi si sono trovati di fronte a una Mystery Box ispirata a speciali conserve ideate durante gli ultimi anni di pandemia da importanti chef. La prova ha dato modo ai concorrenti di riscaldarsi in vista di un Invention Test molto particolare: l’ospite della serata, lo chef Jacopo Mercuro, ha presentato i suoi inediti supplì al telefono, una ricetta classica della cucina romana che gli ha permesso di conquistare un posto di primissimo piano nella scena culinaria italiana e mondiale.

MasterChef: Barbieri giudica il «mappazzone» di Roberto Resta. Video di Davide Bonizzi

La tensione della puntata si è sciolta con il siparietto dello chef Antonino Cannavacciuolo che si è intrattenuto con i ragazzi parlando di calcio, approfittando di un’esternazione di Hue, la ragazza di origini vietnamite. La reazione dello chef campano, noto tifoso del Napoli, appresa la fede calcistica bianconera della simpatica concorrente ha dato modo di stemperare la tensione con una bella risata. Impossibile a questo punto non coinvolgere lo chef calciatore Roberto, che ha confidato a Cannavacciuolo di tifare Juventus, così come il compagno di banco Leonardo e il giovane Bubu. Lo chef stellato, tra il serio e la gag, ha quindi mostrato il proprio disagio a Bruno Barbieri e Giorgio Locatelli.

Tornando alla gara, Roberto ha presentato ai giudici un supplì con orecchiette, vongole e cicoria che ha raccolto solo pareri negativi, condannandolo direttamente al Pressure Test senza la possibilità di confrontarsi nella prova in esterna, nella suggestiva Cascata delle Marmore, la più alta cascata artificiale d’Europa situata nei pressi di Terni, in Umbria.

Nella sfida finale insieme alla brigata blu sconfitta in esterna e con il rischio dell’eliminazione dietro l’angolo, il 35enne attaccante dell’Oratoriana San Luigi ha dimostrato grinta e pazzia nella realizzazione di un minestrone originale: lo chef Antonino Cannavacciuolo ha apprezzato la creazione di Roberto, invitandolo a salire in balconata non prima di essersi complimentato con qualche celebre pacca di stima sulla spalla.

A farne le spese è stata Ivana, che secondo i giudici ha presentato ingredienti crudi ed è stata costretta a togliere il grembiule e lasciare per sempre la cucina di MasterChef.

© RIPRODUZIONE RISERVATA